William è positivo su Kovid: “La famiglia reale è nel panico, gravemente ferita ad aprile”

Il principe William era impressionato infezione da coronavirus covid in aprile e tenuto segreto per non disturbare la nazione. Lo ha riferito il Mirror nella tarda notte di domenica. Il 38enne Duca di Cambridge ha seguito le raccomandazioni del governo isolandosi a casa, ma un quotidiano britannico ha riferito che era “molto colpito dal virus”. Il principe William fu curato dai medici di corte, ma preferì mantenere segreta la diagnosi perché non voleva provocare allarme. Una fonte ha detto al Sun: William è stato molto colpito dal virus. A un certo punto aveva difficoltà a respirare, quindi ovviamente la famiglia reale era in preda al panico. “

Gigi Praetti è molto grave dopo un infarto. È stato ricoverato in ospedale per 15 giorni

Anche il padre di William, Carl, è stato colpito dal coronavirus lo scorso inverno. Carla è stata contagiata alla fine di marzo, suo figlio pochi giorni dopo, quando anche il primo ministro Boris John ha causato paura per la sua salute. Non è chiaro se altri membri della famiglia reale, a cominciare da Kate Middleton, siano stati colpiti. Gli impegni pubblici di Charles sono ripresi con l’apertura del Birmingham Nightingale Hospital alla fine di aprile.

Nuove nuvole in campo. Il silenzio ufficiale del Palazzo Reale riflette un certo imbarazzo per il ritardo nell’apertura: un fatto che potrebbe sollevare interrogativi sulla trasparenza della Casa di Windsor e, in particolare, del principe William, che finora ha goduto di una buona pressione mediatica nel Regno Unito e ci ha sempre provato – insieme a sua moglie Kate e tre figli George, Charlotte e Louis – per diffondere l’immagine di affidabilità, equilibrio del futuro re e relativa apertura e modernità. Anche rispetto al suo ribelle fratello minore Harry e sua moglie Megan Markle.

READ  Sinner e Wierer in coordinamento con gli adulti - Sport Mix

Ultimo aggiornamento: 07:00 © LA RIPRODUZIONE È VIETATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto