Statistiche, questo sconosciuto – la Repubblica

Quanti genovesi? Ebbene, dipende: solo se guardi su Internet e trovi i dati Istat, troverai che gli ultimi dati disponibili, dati al 31 dicembre 2019, ci hanno fermato a 574.090. Decisamente meno dell’ultimo dato che trovi sul sito Comune di Genova: visto che il servizio di statistica si sofferma sui dati di due anni fa in cui ne abbiamo trovati ancora 580.097. E oggi, chissà. L’ultimo annuario statistico, il volume (successivamente convertito solo in edizione on line, e di cui una sintesi – in ogni caso – è stato distribuito a tutti i media, diventando fonte di analisi e confronto), è in realtà febbraio 2018, basato sul numero del 2017. Non c’erano più notizie anche sulla newsletter semestrale, altra pubblicazione (almeno in versione breve) che ha fornito dati utili per capire come e dove va la città in cui viviamo: viste anche le scelte da fare. Da dove viene questo silenzio? L’assessore Alessandro Terile gli ha chiesto quello che potrebbe sembrare un argomento per professionisti, ma è invece utile a tutti presentando un tema di attualità in uno degli ultimi consigli comunali. Anche adesso, il sito web delle statistiche dice “Le nostre pubblicazioni” e le ultime hanno tre anni. Al telefono dicono che ci sono stati problemi con la trasmissione dei dati. La risposta che ho ricevuto ufficialmente dall’assessore Francesco Mareschi, in attesa di un nuovo consigliere che si occupi dei servizi informatici oltre che della demografia, non mi convince: ho chiesto una commissione speciale, e mi è stato detto “solo quando c’è un consigliere …” .

READ  Bastoncini di verdure ecc. ti aiutano a perdere peso

In pratica, la risposta di Mareska – a nome del sindaco Bucha, ammettendo deleghe che in precedenza erano nelle mani dell’ex vice Stefano Baleari – è stata che l’Annuario, più che il servizio, sta “subendo un processo di influenza sia sulla qualità dei dati che sulla presentazione per renderli uno strumento più efficace e utile ”. Ideale: ma due anni e mezzo senza spargere i numeri? Il comune, ha detto Maresco, ha avviato la collaborazione con l’Università degli Studi di Genova per il trattamento dei dati anagrafici, verificando, in particolare, “i dati sulla migrazione e sui tassi di natalità / mortalità … (…) ritengono che la mortalità sia ancor più legata alla crisi epidemiologica del Covid 19 ha esteso il processo. ” “È vero che i dati demografici erano una parte importante, ed è vero che ci sono state modifiche al sistema informativo del registro tra il 2018 e il 2019, ma una volta riavviato il sistema, penso che sarebbe più facile ottenere i dati, estrarli e segnalarli”, ha detto Terrile. , inoltre, le raccolte del Servizio di Statistica avevano non solo dati demografici, ma anche il cosiddetto Pannello Informativo su Economia, Immigrazione, Vigilanza sui Prezzi al Consumo “. Sì: mentre le voci di Tursi mostrano che i dati in calo sia sui residenti che e sull’andamento economico, causerebbe insofferenza ai piani superiori. Il motivo per rimandarne la pubblicazione?
Due giorni fa, il rimpasto del consiglio ha nominato l’oftalmologo Massimo Nicola, oltre a una delegazione senza precedenti in sanità, informatica e servizi demografici. La commissione, dice Terile, può ora essere convocata. Anche perché una dozzina di persone coinvolte nella raccolta e nell’elaborazione dei dati agiscono sempre al loro posto; e poi, sarà possibile apprendere i dati necessari per interpretare il presente e il futuro di Genova?

READ  Prepara il tuo budino: una ricetta che crea dipendenza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto