Vacanze in Italia: Venezia È richiesto l'ingresso, ma sta diventando sempre più costoso

Venezia è da anni una delle mete turistiche più apprezzate in Italia. Spesso è molto affollato, quindi la città ha adottato misure rigorose. Per controllare il flusso dei turisti, ogni visitatore dovrà pagare 5 euro nei giorni di punta a partire da giovedì 25 aprile.

Questa è una prima mondiale! Venezia è la prima città in assoluto ad addebitare un biglietto d'ingresso solo per entrare in città. Le rigide regole stanno provocando violente proteste sul sito, e non solo da parte dei turisti.

Vacanze in Italia: Venezia ora l'ingresso è a pagamento

Ogni anno 15 milioni di persone si radunano per le strade della splendida città italiana. Il sindaco Luigi Brugnaro dice che il numero è troppo alto e vuole contrastare l'introduzione di un biglietto d'ingresso. “Venezia è una città inclusiva. Non vogliamo finire come Barcellona, ​​dove i residenti mettono biglietti sulle finestre con scritto: 'Turisti tornate a casa'”, ha detto a Il Gazzettino.

+++ Vacanze a Maiorca: i turisti celebrano il cantante: è ingannevolmente simile a lui +++

Molti residenti sostengono la misura, ma ci sono state proteste anche il giorno della sua introduzione. Al mattino è iniziata una manifestazione per le strade di Venezia. Tra i circa 300 partecipanti c'erano turisti, ma soprattutto c'erano anche molti residenti. I manifestanti credono che i biglietti d’ingresso non risolvano i problemi dell’overtourism. Soprattutto, la città dovrebbe investire di più nell’edilizia sociale.

I vacanzieri rischiano pesanti multe

Primo fra tutti l'ex sindaco di Venezia, Massimo Cacciari. Ha detto con rabbia: “È pura follia. Questa misura è completamente illegale e incostituzionale”. Il politico ha addirittura chiesto ai turisti di non pagare il biglietto d'ingresso. Tuttavia, chiunque tenti di entrare di nascosto in città tra le 8,30 e le 16, rischia una multa da 50 a 300 euro. Quest'anno le quote verranno pagate entro 29 giorni e l'ingresso esterno rimarrà gratuito.

READ  Le 30 migliori recensioni di Crocchette Cani Monge

Più notizie:


Non devono pagare nulla i residenti locali, i cittadini veneti, i passeggeri, i bambini fino a 14 anni, le persone con disabilità e gli ospiti pernottanti. Ma questi ultimi ricevono anche dal loro hotel un codice QR che devono portare con sé. I posti di blocco della polizia possono richiedere il codice in qualsiasi momento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto