Sembra che la milizia Houthi stia rapendo diversi dipendenti delle Nazioni Unite

Al: 7 giugno 2024 alle 17:59

Sembra che la milizia Houthi nello Yemen abbia rapito almeno dieci membri del personale delle Nazioni Unite. Fonti delle Nazioni Unite hanno affermato che le milizie hanno catturato uomini e donne in diversi governatorati del Paese.

Secondo le informazioni diffuse dalla comunità delle Nazioni Unite, la milizia Houthi nello Yemen ha rapito diversi dipendenti delle Nazioni Unite. Si dice che la milizia abbia rapito dodici dipendenti il ​​giorno precedente in diversi governatorati, inclusa la capitale Sanaa.

Questi sono donne e uomini. Le loro identità non sono ancora note. Si dice che abbiano lavorato, tra le altre cose, per l'Ufficio delle Nazioni Unite per il coordinamento degli affari umanitari (OCHA). I funzionari delle Nazioni Unite non hanno ancora commentato.

Una ONG ha riferito che 18 persone sono state rapite

Anche l'organizzazione yemenita per i diritti umani Majjoon ha denunciato il rapimento di persone. Tra questi ci sono almeno 18 operatori umanitari yemeniti. A differenza dei dipartimenti delle Nazioni Unite, l'organizzazione presuppone che dieci dei 18 rapiti siano dipendenti delle Nazioni Unite.

L'organizzazione non governativa ha denunciato i rapimenti definendoli una “pericolosa escalation” e “pratiche estorsive” da parte degli islamisti “per ottenere vantaggi politici ed economici”. Niko Gavarnia di Human Rights Watch ha dichiarato all'AFP che le azioni della milizia islamica minano l'importante lavoro umanitario nello Yemen, mentre la maggioranza della popolazione nello Yemen non ha “un accesso adeguato ai bisogni primari come cibo e acqua”.

Gli Houthi controllano la capitale yemenita

Interrogati, gli ambienti Houthi hanno affermato che “proteggere il popolo yemenita da qualsiasi attività di intelligence” è uno dei compiti fondamentali dei servizi di sicurezza della milizia.

READ  No grazie, Tennessee! Perché Dolly Parton non vorrebbe un memoriale: le persone

La milizia sciita Houthi conduce una guerra civile con il governo yemenita riconosciuto a livello internazionale dal 2014, e la milizia alleata dell’Iran ha preso il controllo della capitale yemenita, Sanaa, e di gran parte del nord del paese. Una coalizione militare guidata dall’Arabia Saudita combatte a fianco delle forze governative dal 2015.

Secondo le Nazioni Unite, il conflitto nel paese più povero della penisola arabica è uno dei peggiori disastri umanitari del mondo. Più di due terzi delle persone dipendono dall’assistenza.

Gli Houthi rapiscono spesso dipendenti delle Nazioni Unite e delle ONG

Dall’inizio del conflitto nello Yemen, gli Houthi hanno rapito, detenuto e torturato centinaia di civili, compresi operatori delle Nazioni Unite e delle ONG. L'anno scorso Save the Children ha temporaneamente sospeso le sue attività nel nord del Paese dopo la morte di uno dei suoi dipendenti a Sanaa.

Dallo scoppio della guerra di Gaza, gli Houthi hanno ripetutamente attaccato le navi commerciali nel Mar Rosso. La milizia afferma di essere alleata del movimento islamico armato Hamas e di voler imporre la fine degli attacchi israeliani contro la Striscia di Gaza. In risposta, gli Stati Uniti e la Gran Bretagna hanno attaccato più volte le posizioni degli Houthi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto