Saras in crisi, è ufficiale: “Operai che tagliano fino a giugno 2021”.

Alla fine, l’accordo è stato. E per i 1378 operai di Saras di Saraca, sembra che l’unica gioia sia che non siano stati licenziati. Nove mesi di cassa integrazione: dal 26 ottobre al 31 dicembre in modalità “Covid”, poi da gennaio a giugno si passa alla modalità “classica”. Questo risultato è stato ottenuto nell’ultima videoconferenza tra CGIL, CISL, UIL e UGL ei piani alti dell’azienda della famiglia Moratti. La conferma è fornita da Jampiera Manca, sindacalista e segretaria generale di Filctem Cgil: , tre a novembre, cinque a dicembre e sette al mese da gennaio a giugno “. Con la possibilità nel primo semestre del 2021 “di poter usufruire delle ferie invece della cassa integrazione. Ci sarà una rotazione e una forma di solidarietà per coloro che non hanno cassa integrazione ”e il link va a“ dipendenti di società collegate ”.

Manca riporta anche alcuni dati a conferma della crisi, forniti dallo stesso Saras: “Da luglio a settembre si sono persi in media 15 milioni al mese per la decisione di non chiudere gli impianti”. Un’azione che ha portato alla “sottostima del prezzo del greggio”. L’accordo finale è stato firmato da tutti i sindacati: “Siamo riusciti ad abbreviare i giorni dell’integrazione domestica assicurandoci che i lavoratori perdano il meno possibile”, osserva Manka. “Con questo accordo puoi attraversare un periodo di crisi, cercando di uscirne insieme. Gli eccessi sono stati evitati e le piante sono state marchiate “. E l’auspicio, ribadito dal sindacato Saras, è uno: “Ci auguriamo che da giugno 2021 ci sia un rilancio”.

Written By
More from Rocco Miniati

Convenzione Angel’s-Caritas per la birra Pollicina

Pubblicato: 27.09.2020 13:12 UN Accordo di partenariato Caritas Rom su Birra Pollicina,...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *