ristoranti chiusi prima, blocchi regionali e lavoro più intelligente

ristoranti chiusi prima, blocchi regionali e lavoro più intelligente

Infezione da covid da coronavirus supera le 5mila infezioni in un giorno e governo sviluppare una strategia per evitare secondi quarantena. Le misure riguarderanno principalmente il rafforzamento dello smart work e delle chiusure localizzate, ma non si può escludere che – in ultima istanza – torni in vigore il divieto di circolazione tra regioni. E poi potrebbero esserci pressioni sui trasporti e sui locali, ma anche una nuova fermata per gli eventi di massa. Inoltre, il nuovo Dpcm, su cui sta lavorando il governo, avrà protezione prioritaria per i settori più fragili: scuola, servizi di base e manifattura. In altre parole, il premier Conte cerca un complesso compromesso tra l’assistenza sanitaria e la necessità di avere il minor impatto possibile sulla vita delle persone.

LEGGI ANCHE Allarme Covid, Rt: 15 regioni con un indice di trasmissione superiore al livello di avviso. Piemonte e Azienda sono in testa

Piano governativo

I dettagli delle misure non sono ancora disponibili, ma stiamo valutando un pacchetto di interventi. A cominciare dalle chiusure localizzate “dove serve”, conferma il vice ministro della Salute Sandra Zampa. Le zone rosse locali sono essenzialmente dove vengono attivati ​​blocchi più grandi o più piccoli a seconda delle dimensioni dei cluster per limitare il virus. Se dopo 14 giorni la situazione migliora, i divieti verranno tolti, altrimenti verranno estesi ed estesi in caso di degrado alle zone limitrofe.

Questo è qualcosa che potrebbe accadere in diversi distretti e comuni dell’Azienda molto presto se la situazione rimanesse la stessa. “Prenderemo tutte le decisioni necessarie”, afferma il presidente Vincenzo De Luca, “l’obiettivo è trovare un equilibrio tra il nuovo e il curato. Ma se abbiamo mille infezioni e duecento vengono curate, è un blocco. ”

Non è escluso il divieto di circolazione tra regioni

Un altro provvedimento è stato annunciato dall’assessore regionale Francesco Boccha e sarà un ritorno al passato: il divieto di circolazione tra le regioni. “A questo punto nulla si può escludere, ma non escludere l’intervento non significa chiusura, ma prontezza a qualsiasi intervento”. Nei prossimi giorni, il Boca convoca nuovamente una sala di controllo con le regioni per riassumere la situazione e valutare i possibili passi con i governatori. Chiaramente, dice il presidente della Conferenza delle Regioni, Stefano Banacchini, in una situazione come quella attuale non c’è spazio per uno scontro istituzionale tra Roma e territori. “Il governo e le regioni devono assolutamente lavorare insieme, non vedo altro modo”.

READ  Italia e Russia passano alla finale

Rafforzare il lavoro intelligente

In queste ore si stanno spingendo al governo altre ipotesi, sempre con l’obiettivo di evitare la chiusura di interi settori e l’interruzione dei lavori, ma allo stesso tempo ridurre la possibilità di contagio. Il primo è rafforzare il lavoro intelligente assicurando che chiunque possa lavorare da remoto eviti l’accesso agli uffici e ai luoghi di lavoro. “Dobbiamo fare di tutto – ripetiamo fonti governative – non solo per limitare i contatti interpersonali, ma anche per diffonderli”.

Restrizioni su trasporti, luoghi ed eventi di massa

E in questo contesto si possono anche considerare limitazioni al trasporto pubblico locale. Ancora Banacchini: “Se il contagio aumenta e troviamo situazioni più allarmanti, dobbiamo essere preparati a maggiori restrizioni”. Gli eventi di massa possono anche essere fermati in Dpcm. Lo ha richiesto CTS e lo ha confermato nel bollettino settimanale la cabina di monitoraggio del Ministero della Salute. “È importante evitare eventi e iniziative che rischiano di incontrarsi in luoghi pubblici e privati”. Ciò significa restrizioni per spettacoli all’aperto, eventi sportivi, fiere, eventi a cui partecipano migliaia di persone, ma anche feste private e cerimonie.

Stiamo ancora pensando alla possibile riduzione dell’orario di lavoro dei locali, nonché all’elaborazione di ricette per l’attività sportiva, a cominciare dagli sport di contatto. L’unica esattezza è quanto ripete il ministro Boch. Serve “il massimo rigore”. E così, “se necessario, stringeremo ancora di più i bulloni, concentrandoci sulle cose necessarie: scuola, lavoro, ospedali”.

Ultimo aggiornamento: 22:20


© LA RIPRODUZIONE È VIETATA

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

MONDOSCINEWS.IT È PARTECIPANTE AL PROGRAMMA ASSOCIATI DI AMAZON SERVICES LLC, UN PROGRAMMA DI PUBBLICITÀ AFFILIATO PROGETTATO PER FORNIRE AI SITI UN MEZZO PER GUADAGNARE TASSE PUBBLICITARIE IN E IN CONNESSIONE CON AMAZON.IT. AMAZON, IL LOGO AMAZON, AMAZONSUPPLY E IL LOGO AMAZONSUPPLY SONO MARCHI DI AMAZON.IT, INC. O LE SUE AFFILIATE. COME ASSOCIATO DI AMAZON, GUADAGNIAMO COMMISSIONI AFFILIATE SUGLI ACQUISTI IDONEI. GRAZIE, AMAZON PER AIUTARCI A PAGARE LE NOSTRE TARIFFE DEL SITO! TUTTE LE IMMAGINI DEL PRODOTTO SONO DI PROPRIETÀ DI AMAZON.IT E DEI SUOI ​​VENDITORI.
Mondo Sci News