Quante probabilità ci sono che un asteroide colpirà la Terra?

La caduta degli asteroidi sulla Terra è un tipico scenario cinematografico apocalittico. Ma davvero, quante probabilità ci sono che un oggetto proveniente dallo spazio ci colpisca? E cosa stanno facendo gli scienziati per proteggere il nostro pianeta?

Noi abbiamo chiesto Tore Perotzi, che lavora presso l’Ufficio di supervisione spaziale dell’Agenzia Spaziale Italiana. A partire dalla conoscenza degli asteroidi e arrivando alle future missioni.

Chiarimento importante: quando parliamo della possibilità dell’impatto di un oggetto celeste sulla Terra, il più delle volte ci riferiamo al futuro meteoriti, che è principalmente un materiale roccioso ottenuto da una collisione catastrofica tra grandi asteroidi. Nel caso in cui un piccolo asteroide cada sul nostro pianeta, il suo rilascio nell’atmosfera lo spruzza in frammenti più piccoli, che il più delle volte non danneggiano. Si trattava, ad esempio, di uno scenario espresso nei giorni scorsi per un asteroide 2018VP1 – chiamato ‘Asteroide il giorno delle elezioni per il suo passaggio vicino alla Terra nei giorni delle elezioni americane. L’asteroide si è poi ritirato, ha annunciato l’ESA, passando a una distanza di circa 62mila chilometri. Ma in ogni caso non sarebbe pericoloso per le sue piccole dimensioni, poco più di due metri.

Questa storia conferma l’importanza programmi per monitorare e proteggere il nostro pianeta, attività in cui l’Italia è impegnata da tempo.

“L’Italia ha una struttura primitiva a livello universitario conUniversità di Pisasviluppando sistemi di calcolo molto accurati per questo tipo di previsione. Questa è l’eredità che l’Agenzia Spaziale Italiana ha portato in Europa, in particolare con il telescopio Flyeye, che sembra l’occhio di una mosca su gran parte del cielo ed è quindi in grado di catturare questi piccoli oggetti che si avvicinano alla Terra “, spiega Ettaro Perotzi .

READ  L'obbligo della mascherina e l'ultimo coprifuoco regionale in Italia...

Come risultato della collaborazione verrà installato il telescopio Asi-Esa Flyeye 1865 metri di altezza, da sopra Monte Mufara y Sicilia. Questo aiuterà gli scienziati nella prima, fondamentale fase della prevenzione degli asteroidi: osservare il cielo per trovare in anticipo possibili oggetti vicini.

Dopo aver determinato l’asteroide che è in pericolo di collisione, è necessario stimarne le dimensioni: come abbiamo visto, un oggetto di due metri come 2018VP1 è improbabile che causi danni, mentre quando si tratta di oggetti di venti metri o più, le conseguenze possono essere molto più gravi. Per capire di cosa è fatto un asteroide e quanto è grande, gli scienziati lo stanno analizzando luce. “Ad esempio, abbiamo un progetto dell’Unione europea Neorocks, – continua Perotzi, il cui obiettivo è cercare di dare una descrizione fisica, non solo dinamica, degli asteroidi. Anche l’Agenzia Spaziale Italiana è coinvolta e dirige l’Istituto Nazionale di Astrofisica “.

Dopo tutte queste analisi inizia la fase operativa. Cioè, cosa succede se l’asteroide si trova su un percorso di collisione e abbastanza grande da cadere sul nostro pianeta e causare danni?

“Mandiamo un amico sonda kamikaze per impatto sull’asteroide: un impatto sufficientemente piccolo effettuato al momento giusto per rendere la traiettoria dell’asteroide più lontana dal percorso della Terra. È anche una sceneggiatura studiata per la prima volta in Italia all’Università di Pisa. La missione aveva un nome figurativo, Don Chisciotte: c’erano due sonde, Sancho e Hidalgo. Uno doveva schiantarsi contro un asteroide e l’altro doveva misurare che questo impatto era sufficiente per spostare l’orbita. Questa idea è stata poi sostenuta da ESA, che è stata sostenuta anche dall’Italia, e oggi è diventata una missione comune: Freccette NASA, Gera FIVET e LiciaCube sull’ASI: serve un po ‘a tutti per poter rispondere a questa domanda se la nostra tecnologia è davvero in grado di muovere un asteroide. Prima di tutto c’è una sonda che deve colpire l’asteroide e respingerlo: questo sarà il compito della sonda Darth della NASA. Questa sonda trasporta a bordo il cubo sito dell’agenzia spaziale italiana LiciaCube, che si disconnetterà poco prima della collisione e osserverà cosa succede: avremo un piccolo colpo diretto. Per vedere se tutto è andato bene, ci sarà Hera dell’ESA, che controllerà il cambiamento nell’orbita dell’asteroide “.

READ  Quali sintomi si verificano e quanto è pericoloso l’eccesso di vitamina D?

Fino a pochi anni fa, la deflessione di un oggetto celeste mentre si avvicinava al nostro pianeta poteva sembrare fantascienza. Oggi abbiamo la tecnologia per questo, una tecnologia che sarà presto testata nei laboratori spaziali di Darth, Hera e LiciaCube in programma per 2024, che per la prima volta metterà alla prova la tecnica di deviare gli asteroidi.

Quindi, tornando alla nostra domanda iniziale: quanto è probabile che un asteroide colpirà il nostro pianeta? Molto poco, ca. 1 dei suoi 100.000. Ciò significa che la probabilità di attraversare l’asteroide vicino all’orbita terrestre nello stesso momento in cui passa il nostro pianeta, ha una probabilità di 100mila. Ma in questo caso è meglio prepararci.

Vedi il rapporto Deep Space qui: quanto è probabile che l’asteroide colpirà la Terra?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto