“Non possiamo perdonare.” Alfonso Signorini è deluso

Stefano Bettarini viene privato del diritto del fratello maggiore Vip: “Non si può perdonare”. Alfonso Signorini è deluso. Usando una frase che usava spesso l’ex calciatore, è durato solo tre giorni “dal Natale alla boxe”. La bestemmia proclamata in giardino davanti a Francesco ed Enoch non poteva passare inosservata e il Grande Fratello ha preso la decisione.

Leggi anche> Grande fratello Vip, diciassettesima serie live

Nei giorni scorsi Stefano Betarini ha emesso una sentenza blasfema che ha avuto le conseguenze che ci aspettavamo. Durante una diretta della diciassettesima puntata, Alfonso Signorini ha chiamato al confessionale Stefano Betarini: “In questi tre giorni eri Beta, come sappiamo, hai saputo stravolgere gli equilibri. Purtroppo sei diventato il protagonista di un episodio che necessita di essere chiarito. È probabile che tu sappia già di cosa stiamo parlando. Durante una conversazione con Enoch e Francesco dai un’espressione blasfema, So che risponderai che fa parte dello strato, ma è uno strato blasfemo. Ovviamente non c’era intenzione di insultare, ma c’è il contenuto “.

“Ho capito subito che ero scappato”, dice Stefano Betarini, “io sono un credente e non volevo mancare di rispetto a nessuno, a volte non si sa mai parlare, ecco un reality e quindi bisogna accettare la bellezza e la bruttezza, mi scuso e sono pronto totale. “

A causa del rispetto per i milioni di persone che ci seguono e si sentono offese, per via del professionista dei reality e di una vecchia volpe come te, non me l’aspettavo. Certe espressioni non possono essere perdonate, mi feriscono e mi feriscono come credente“, Continua Signorini

READ  La dilettante di Leott: la sua ultima storia in accappatoio è troppo tesa

“Le tue parole, come hai capito, hanno violato le regole e lo spirito dello stesso Grande Fratello, in questi casi una decisione, come sai, è inevitabile: Stefano Bettarini sei squalificato».


Ultimo aggiornamento: lunedì 9 novembre 2020, 22:51

© LA RIPRODUZIONE È VIETATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto