Nessuno va più a Cuba

Per sei mesi non c’erano praticamente turisti a Cuba: per contrastare l’epidemia di coronavirus, il governo ha chiuso le frontiere a marzo, consentendo il primo e limitatissimo ingresso solo quest’estate. La chiusura prolungata e un solido sistema sanitario cubano hanno permesso di gestire la diffusione dell’epidemia in modo più efficace che in altri paesi dell’America Latina, ma il turismo è stato il maggior reddito dell’isola e la mancanza di turisti sta causando una grave crisi economica.

I primi tre casi di infezione da coronavirus nell’isola sono stati registrati l’11 marzo e, dopo un rapido aumento del numero di infezioni, il governo ha deciso di adottare misure molto severe per fermare la diffusione del virus. Il 20 marzo, su 21 casi confermati, l’arrivo di turisti è stato vietato, le strutture scolastiche sono state chiuse e il trasporto pubblico interprovinciale sospeso. Di 60.000 turisti I presenti sull’isola furono rimpatriati con gli unici voli consentiti e gli hotel del Paese furono chiusi.

Da allora, il sistema sanitario nazionale cubano è riuscito a contenere le infezioni dovute all’elevato rapporto tra medici e pazienti, che ha permesso di rilevare casi e di tenerli sotto costante controllo durante le visite quotidiane a medici e infermieri. pazienti in isolamento domiciliare. Dall’inizio dell’epidemia sono stati registrati 5.883 casi positivi su una popolazione di circa 11,2 milioni di persone, con nuovi casi al giorno che non hanno mai superato i 70 nelle ultime settimane.

– Leggi anche: Come è stato trattato il coronavirus a Cuba

Mentre in altri paesi dell’America Latina lo era riaperto le frontiere sono state finalmente chiuse a giugno, la chiusura totale a Cuba è durata fino a luglio, ei primi turisti sono arrivati ​​solo a settembre, ma con molte restrizioni. I visitatori possono ancora accedere solo alle piccole isole al largo della terraferma di Cuba – Cayo Coco, Cayo Guillermo, Cayo Cruz e Cayo Santa Maria, dove entrano in contatto minimo con i residenti e per questo hanno bisogno di permessi. speciale. La capitale L’Avana è rimasta isolata, gli aeroporti chiusi e ci sono ancora molte restrizioni per i locali: solo a settembre il governo ha annunciato allentando alcune restrizioni, annunciando la ripresa del trasporto pubblico locale, bar e ristoranti.

Spiaggia deserta nella capitale cubana L’Avana (Ramon Espinosa / Foto AP)

– Leggi anche: Dopo 43 anni, Cuba ha di nuovo un primo ministro

Il turismo è molto importante per l’economia cubana, soprattutto da quando l’isola è stata aperta al turismo di massa negli anni ’90. Questo settore rappresenta una parte significativa dei guadagni in valuta estera del paese e ha portato i cubani nel 2019 a circa $ 3 miliardi. Le restrizioni hanno reso l’isola di Cuba quasi deserta: da marzo, con la chiusura delle frontiere anche da parte di altri paesi, non c’è stato praticamente nessun arrivo. Inoltre, il settore del turismo ha già incontrato difficoltà a causa delle restrizioni imposte dal presidente degli Stati Uniti Donald Trump per indebolire il governo cubano. Nel 2019, ad es. viaggi di gruppo e con navi da crociera, i voli commerciali sono stati tagliati e i voli charter sono stati vietati, con un forte calo degli arrivi di turisti dagli Stati Uniti nel Paese.

– Leggi anche: Cosa ha cambiato Trump nelle relazioni USA-Cuba

La chiusura delle frontiere ai turisti e l’inasprimento dell’embargo statunitense hanno avuto gravi conseguenze per l’economia cubana e causato una crisi alimentare. Cuba stessa non soddisfa i bisogni alimentari dei suoi residenti e tipicamente importa più del 60% del suo fabbisogno alimentare, pagando in valuta estera principalmente attraverso il turismo. Secondo gli esperti, quest’anno Cuba ha ridotto gli acquisti dall’estero di oltre il 30%: i negozi cubani hanno iniziato a rimanere a corto di alcuni prodotti, il governo ha stabilito delle norme per la vendita di cibo e non appena il prodotto è diventato disponibile, si sono formate lunghe code fuori dai negozi .

Aniel Diaz, capo di una società di consulenza aziendale cubana, stima che circa 250.000 persone nel settore privato – La maggior parte di loro sono legati al settore del turismo – da marzo, hanno perso gran parte del loro reddito. Pavel Vidal, un ex economista della banca centrale cubana che ora insegna alla Xavier University in Colombia, ha scritto che l’economia dell’isola si deteriorerà di circa il 10 per cento quest’anno, e forse nel 2021 le cose andranno peggio. .

Cuba non è membro del Fondo monetario internazionale, della Banca mondiale o di qualsiasi altra istituzione a cui potrebbe richiedere un prestito di emergenza. Il governo non ha ancora fornito statistiche sull’entità della recessione economica, ma le ha fornite un piano di ripresa in caso di pandemia che elenca le misure che saranno prese per resettare il paese allentando gradualmente le restrizioni. Il governo ha anche promesso di mantenere il paese in isolamento fino a quando il virus non sarà completamente sradicato, ma l’allentamento delle restrizioni all’Avana suggerisce che quelle che interessano il settore turistico potrebbero essere rapidamente indebolite.

READ  Coronavirus, per Trump "le prossime 48 ore sono fondamentali" - La Stampa
More from Liberatore Esposito

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *