Mondiali di ciclismo, Imola: live – 7 persone in fuga, controllo di gruppo

La ruota da 28,8 km deve essere ripetuta 9 volte, toccando un totale di 260 km. Il gruppo ne controlla sette in anticipo

13:00 – 142 km all’arrivo

Il quinto round è iniziato. Siamo vicini a metà gara. Sempre un vantaggio di 7 ‘rifugiati.

12.50 – 150 km all’arrivo

Le squadre nazionali sono guidate da Polonia, Svizzera, Slovenia e Belgio. Tentano di tenere i capitani avanti. Intanto il vantaggio dei profughi è cresciuto quasi a 7 ‘.

12.45 – 155 km all’arrivo

Auguri danesi, adottati dal gruppo. Sarebbe un tentativo irrealistico di ricostruire i rifugiati da soli.

12.42 – 156 km all’arrivo

Il pilota danese è scappato dal gruppo dei favoriti: questo è il 5 ° numero di Mikel Honore.

12.37 – 158 km all’arrivo

La leadership dei sette comandanti è di nuovo in crescita. Il gruppo è a 6’15 “.

12.27 – 165 km all’arrivo

Fase stazionaria della corsa. Vantaggio di fuga 5:30 “.

12.17 – 170 km all’arrivo

Il gruppo corre anche sotto il traguardo in pista. Ritardo di circa 5 ‘. Il quarto round è iniziato. Per quanto riguarda la confisca di Lutsenko, vincitore del Tour de France, la Federazione ciclistica del Kazakistan ha segnalato un corridore COVID-19 positivo.

12.10 – 175 km all’arrivo

I fuggitivi sono in pista, in procinto di concludere il terzo giro. Ce ne saranno altri sei. Il loro vantaggio è di 5 ‘.

11.58 – 185 km all’arrivo

Il vantaggio di sette gradini sta diminuendo di nuovo. Ora il gruppo insegue 5 ‘.

11.54 – 186 km all’arrivo

C’è molta curiosità intorno al primo e al secondo segreto dell’ultimo Tour de France. Ci si può chiedere se Tadeusz Pogacar e Primoz Roglic, che difendono i colori della Slovenia, abbiano recuperato dagli sforzi.

11.48 – 188 km all’arrivo

Dopo tanti chilometri il vantaggio dei profughi scende sotto i 6 ‘. Ora la band ha accelerato il ritmo. Oltre alla Svizzera, anche la Danimarca ha assunto il comando delle operazioni. Il suo capitano è Jacob Fuglsang, un altro uomo da tenere d’occhio. Finora l’Italia si è nascosta.

11.38 – 195 km all’arrivo

Il vantaggio costante dei rifugiati, che si è stabilizzato a 6’10 “. Ricordiamo i sette personaggi principali: Castilla (MEX), Troy (NOR), Friedrich (AUT), Koch (GER), Fominha (KAZ), Arashira (JAP), Grosso (ROM).

11.31 – 198 km all’arrivo

Il gruppo è andato anche in pista. La Svizzera tira guidata da Silvan Dillier. Si ricorda che lo svizzero può vantare un prestigioso secondo posto alla Parigi-Roubaix nel 2018, alle spalle di Peter Sagan.

11.25 – 200 km all’arrivo

È iniziato il terzo round per i profughi, proprio passando sotto il traguardo, situato sull’autodromo di Imola. 6’20 “di vantaggio.

11.20 – 205 km all’arrivo

Molti uomini oggi potrebbero aspirare a una maglietta arcobaleno. Tra loro c’è il belga Vout van Aert.

11.00 – 215 km all’arrivo

Il divario tra il leader e il gruppo è rimasto invariato. Dietro la Svizzera attiva c’è il team di una delle persone più attese: Mark Hirsch. Al momento la gara non piove e il vento non è molto forte.

10.45 – 225 km all’arrivo

I fuggitivi affrontano per la seconda volta l’ascesa di Matzolan. Il vantaggio sul gruppo dei favoriti sale a 6’30 “.

10.35 – 232 km all’arrivo

Il vantaggio dei rifugiati aumenta di quasi 1,5 metri. Questi uomini non fanno paura e la band lo lascia andare. Il primo dei nove giri previsti è quasi completato.

Ore 10.20

Behrane (Eritrea), Arndt (Germania) e Lutsenko (Kazakistan) non sono partiti.

10.15 – al traguardo 245 km

La fuga è iniziata. Ce ne sono sette: Castilla (MEX), Traen (NOR), Friedrich (AUT), Koch (GER), Fominh (KAZ), Arashira (JAP), Grosso (ROM). Il vantaggio si nota subito: 3’35 “.

9.56 – 256 km all’arrivo

È iniziata la prova online del Campionato mondiale di ciclismo maschile.

Oggi è il giorno. Si sta svolgendo a Imola il 13 ° Mondiale di ciclismo organizzato in Italia, e la missione della Nazionale è quella di restituire al nostro Paese il titolo che mancava dal 2008, quando Balan trionfò a Varese. La missione non è impossibile, ma allo stesso tempo molto difficile.

Sono NOMI

Ecco gli azzurri ei numeri: 17 Beggoli, 18 Bettiol, 19 Brombi, 20 Caruso, 21 Masnad, 22 Nibali, 23 Ulisse, 24 Visconti. Preferiti? Vout van Aert guida il Belgio e ha preso l’argento in tempo. Considerando che nella seconda parte è andato più veloce di Anna … fa paura. Altri nomi da seguire: Alaphilippe, Fuglsang, Hirschi, Kwiatkowski, ma ovviamente anche (soprattutto) il duo sloveno Pogacar-Roglic.

Written By
More from Nevio Udinesi

Leo, come Henry, non è solo nelle corse. Ma i portoghesi dovranno crescere …

“Siamo come in una gara.” Così ha risposto ieri sera Rafael Leo...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *