La produzione di miele in Italia è notevolmente diminuita a causa del clima

La produzione di miele in Italia è notevolmente diminuita a causa del clima

L’Italia si rammarica del significativo calo della produzione di miele di quest’estate. In regioni come la Toscana e l’Emilia-Romagna, la produzione di miele è diminuita del 95% a causa del clima. Nella sola Lombardia i danni causati dalla mancata produzione di miele d’acacia hanno superato i 30 milioni di euro. La famosa “Settimana del miele”, evento organizzato annualmente nella cittadina toscana di Montalcino da 50 anni, è stata annullata.

Gli organizzatori di Honeyweek hanno annunciato che quest’estate un alveare ha prodotto in media da 500 g a 1 kg di miele, rispetto ai 20 kg degli anni precedenti. Una situazione critica ha avuto ripercussioni anche sulle regioni del miele del sud perché la produzione di miele d’arancio in molte regioni della Sicilia e della Puglia è scesa quasi a zero e la produzione media è diminuita del 50 per cento. Così il 2021 sarà ricordato come l’anno più importante degli ultimi decenni in Italia.

Questo forte calo della produzione ha comportato anche l’annullamento della settimana del miele di Montalcino vicino a Siena, patria del Brunello, che si tiene ogni anno per mezzo secolo, che ha dovuto essere annullata. Il sindaco di Montalcino, Silvio Francescelli, ha spiegato che la “Settimana del miele di Montalcino” è una delle manifestazioni più famose a livello nazionale per storia e tradizioni.

Le condizioni meteorologiche hanno gravemente condizionato la produzione primaverile di tarassaco e ciliegio. Anche la produzione di miele di acacia è quasi del tutto cessata, in quanto in primavera si sono registrate condizioni climatiche molto sfavorevoli, basse temperature e gelate improvvise sia nel nord che nel centro Italia. Le difficili condizioni atmosferiche hanno gravemente colpito anche la fioritura di mandorli, ciliegi e agrumi al sud, fermando praticamente la produzione di nettare, indispensabile per la colonizzazione e lo sviluppo delle api per il successivo raccolto.

READ  Senza contanti Covid, Pininfarina Engineering conferma 135 licenziamenti

Il clima degli ultimi mesi ha inoltre reso difficile la raccolta e la conservazione del nettare, che viene utilizzato principalmente per nutrire le api: in molti casi gli allevatori hanno dovuto nutrire le api artificialmente in modo costoso per salvarle dalla fame e salvare gli allevamenti. Le associazioni di apicoltura hanno segnalato che questo settore ne ha un disperato bisogno e che nemmeno l’ape regina è stata risparmiata. Il tasso di fertilizzazione è diminuito di circa il 20 percento a causa delle condizioni meteorologiche che hanno causato grandi perdite alle aziende di apicoltura.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

MONDOSCINEWS.IT È PARTECIPANTE AL PROGRAMMA ASSOCIATI DI AMAZON SERVICES LLC, UN PROGRAMMA DI PUBBLICITÀ AFFILIATO PROGETTATO PER FORNIRE AI SITI UN MEZZO PER GUADAGNARE TASSE PUBBLICITARIE IN E IN CONNESSIONE CON AMAZON.IT. AMAZON, IL LOGO AMAZON, AMAZONSUPPLY E IL LOGO AMAZONSUPPLY SONO MARCHI DI AMAZON.IT, INC. O LE SUE AFFILIATE. COME ASSOCIATO DI AMAZON, GUADAGNIAMO COMMISSIONI AFFILIATE SUGLI ACQUISTI IDONEI. GRAZIE, AMAZON PER AIUTARCI A PAGARE LE NOSTRE TARIFFE DEL SITO! TUTTE LE IMMAGINI DEL PRODOTTO SONO DI PROPRIETÀ DI AMAZON.IT E DEI SUOI ​​VENDITORI.
Mondo Sci News