Il coprifuoco funziona contro una pandemia?

Ieri sera, il presidente francese Emmanuel Macron annunciato che da sabato 17 ottobre, a Parigi e in altre otto grandi aree metropolitane ci sarà il coprifuoco per ridurre la diffusione del coronavirus. Le restrizioni interesseranno circa 22 milioni di persone che non potranno uscire di casa, se non per validi motivi, dalle 21:00 alle 18:00 del giorno successivo. Altri paesi hanno adottato misure simili o stanno pensando di farlo, sebbene molti esperti dubitino ancora della loro utilità.

Coprifuoco ed epidemie
La parola “coprifuoco” può suggerire scenari di guerra pandemica di vasta portata, ma in realtà la parola stessa è abbastanza neutra e può essere Usato segnalare il divieto di uscire la sera per ordine pubblico o per particolari emergenze. Deriva dalla pratica obbligatoria in epoca medievale in diversi paesi di coprire con le fiamme la vita delle ceneri di notte per ridurre il rischio di incendi che potevano danneggiare case e interi villaggi.

Il coprifuoco non è stato adottato per la prima volta per combattere l’epidemia, ma l’esperienza passata ha spesso riguardato aree geografiche limitate e malattie trasmissibili diverse dal presente. Pertanto, non ci sono molte ricerche su questo tema, anche se diversi ricercatori stanno analizzando l’andamento del coprifuoco in alcuni paesi contro la pandemia di coronavirus.

Il caso Melbourne
Ad esempio, in Australia la città di Melbourne è stata sottoposta ad un coprifuoco piuttosto rigido per circa un mese con l’obbligo di restare al chiuso dalle 8 alle 5 del mattino del giorno successivo. Poi c’erano le restrizioni sciolto alla fine di settembre, ma finché sono rimasti in vigore, sono stati accompagnati da diverse altre restrizioni, più simili a un vero castello. È quindi difficile farsi un’idea chiara dell’utilità del coprifuoco in questo contesto, soprattutto al fine di ridurre il numero di contagi.

Come previsto, le forze dell’ordine di Melbourne hanno tenuto un mese di coprifuoco identificato i trasgressori sono sollevati riducendo la circolazione delle persone durante la notte. La sorveglianza ha contribuito a contenere la deterrenza, ma molti hanno osservato come il problema delle nuove infezioni a Victoria, la capitale di Melbourne, fosse principalmente correlato alle case di cura e alle case di cura, con lavori in generale e per il personale che lavora nelle istituzioni mediche.

READ  Rivolta nel mondo islamico contro Macron (continua)

Coprifuoco flessibile
Nelle ultime settimane alcuni sono stati testati anche nel Regno Unito soluzioni rispetto al coprifuoco, seppur con maggiore flessibilità e differenze a seconda delle aree geografiche e della gravità della pandemia. Sono state imposte restrizioni alle modalità di funzionamento di pub e ristoranti, tempo limitato per servire alcolici e restrizioni su altre attività sociali sia in luoghi pubblici che a casa.

Per quanto riguarda la Francia, è troppo presto per il Regno Unito per stabilire se il coprifuoco possa portare a qualche vantaggio, perché le restrizioni più severe sono state imposte pochi giorni fa ei loro possibili effetti si riflettono nell’andamento del contagio almeno un paio di settimane.

Aspettative in attesa di prove
In previsione di dati concreti su cui è possibile effettuare ulteriori stime, le autorità sanitarie e gli epidemiologi si affidano ora a ciò che prevedono accadrà quando milioni di persone dovranno restare a casa al di fuori dell’orario di lavoro.

Innanzitutto il coprifuoco – così come è stato adottato in Francia – manda un segnale alla popolazione: ricorda che la situazione associata alla pandemia è ancora grave, che la diffusione del contagio è ancora in corso e che non dovremmo correre rischi continuando ad utilizzare maschere, praticare l’allontanamento sociale e ridurre al minimo il contatto con altre persone. Questo effetto restrittivo ed espansivo non è facile da misurare, ma, secondo alcuni esperti, lo è poteva Cambiare la situazione provocando comportamenti virtuosi anche nel pomeriggio fuori dal coprifuoco.

Altri ritengono che l’impegno a rimanere a casa la sera e la notte possa ridurre in modo specifico le interazioni sociali informali, durante le quali si pensa meno al rischio di contagio. Con l’inizio della stagione fredda, molte di queste interazioni si verificano all’interno, spesso in ambienti poco ventilati. dove i rischi di infezione da coronavirus sono maggiori. Quando si beve o si mangia qualcosa in bar e ristoranti, la maschera non viene utilizzata, essendo maggiormente a rischio di infezione, soprattutto in caso di permanenza prolungata.

READ  Coronavirus, nel Regno Unito c'è un boom di contagi: andiamo verso nuovi blocchi

Meno visite a bar, pub e ristoranti a causa del coprifuoco dovrebbero anche portare all’uso del coprifuoco durante le interazioni sociali. L’alcol tende a ridurre i divieti e portare a comportamenti più rischiosi: negli anni sono stati condotti molti studi su questo argomento, anche se non direttamente correlati alla pandemia in corso.

In un ambiente in cui la maggior parte delle persone consuma alcol, c’è un alto rischio di perdere il controllo, la distanza fisica non viene mantenuta e le maschere vengono utilizzate in modo errato. Se sei all’aperto, il rischio è limitato, mentre aumenta quando sei al chiuso. Questo è un problema che colpisce principalmente i giovani che sono a minor rischio quando vengono infettati dal coronavirus, ma allo stesso tempo rappresentano un rischio elevato per le persone anziane e deboli che possono contrarre gravi sintomi dopo l’infezione. associato a COVID-19.

Dubbi
Tuttavia, non tutti sono convinti che il coprifuoco possa portare alcuni benefici associati all’uso di alcol e comportamenti meno responsabili. Quando le restrizioni entrano in vigore la sera, nulla ti impedisce di aspettare eventi sociali informali, come stare in un bar o in un pub nelle ore precedenti, con il rischio di una maggiore concentrazione di persone interessate a bere con gli amici prima che abbia effetto. coprifuoco.

Potrebbero esserci anche riunioni, scarsa distanza fisica e altre pratiche efficaci per ridurre il rischio di infezione. Altri riferiscono che a fine serata si tende a consumare più alcol in azienda, e se non si riesce a farlo si possono limitare le conseguenze di comportamenti a rischio dovuti all’alcol.

Introducendo un limite di tempo per essere a casa, il coprifuoco può anche avere l’effetto di far entrare molte più persone in circolazione entro una certa scadenza. Le attività che di solito si svolgono dopo il lavoro si concentrano sulle poche ore rimaste prima del dovere di tornare a casa, il che comporta il rischio di riunioni, e non solo al chiuso. Allo stesso tempo, sempre più persone fanno shopping, centri commerciali e altre attività, il che contribuisce a una maggiore concentrazione di persone nella stanza. A Melbourne, questo fenomeno è diventato abbastanza evidente in una settimana di restrizioni più severe quando si formavano code e folle nei supermercati.

READ  Come Trump guarda la TV

Tuttavia, alcuni sociologi ritengono che l’effetto restrittivo del coprifuoco possa essere utile per incoraggiare comportamenti virtuosi senza richiedere restrizioni più severe, come nel caso di un blocco reale.

Molti obiettano che il coprifuoco interessa solo una parte della giornata, mentre non influisce sulle ore diurne durante le quali la vita normale continua (anche se questo può avvenire durante una pandemia). Le persone continuano a camminare per andare al lavoro, utilizzare i mezzi pubblici e incontrarsi, esponendosi all’inevitabile rischio di infezione.

I capi delle istituzioni mediche nei paesi in cui è stato adottato il coprifuoco la pensano diversamente. Credono che qualsiasi intervento, per quanto parziale, possa portare a qualche beneficio nel frenare la pandemia. Una persona che rimane a casa invece di andare in un club corre meno rischi e, se non la infetta, non è una nuova fonte di infezione nel suo posto di lavoro o in famiglia. L’idea che va testata è che questa dinamica, moltiplicata per milioni di persone, ha qualche vantaggio nel rallentare la diffusione del coronavirus.

La Francia è il primo paese ad adottare un coprifuoco abbastanza rigido, che colpisce circa un terzo della sua popolazione nelle aree più popolose. In un certo senso, questo è un grande esperimento, e quindi è osservato con grande interesse da epidemiologi e ricercatori. Tra poche settimane dovrebbero ottenere qualche dato in più, anche se sarà difficile trarre conclusioni sull’utilità del coprifuoco in generale.

More from Liberatore Esposito

USA 2020, gli hacker ruberanno 2,3 milioni destinati alla campagna elettorale di Trump

30 ottobre 2020 13:41 Secondo quanto riferito, i criminali sono riusciti a...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *