Croazia: i conservatori rimangono la forza più forte in Croazia

Secondo i risultati parziali preliminari, il partito conservatore Unione Democratica Croata (HDZ) del primo ministro Andrej Plenkovic è emerso come la forza più forte nelle elezioni parlamentari croate. Lo ha annunciato la commissione elettorale del Paese. Tuttavia, l’HDZ ha perso la maggioranza assoluta dei seggi necessaria per formare il governo.

Dopo lo scrutinio del 64,5% delle schede elettorali, secondo la commissione elettorale, il Partito dell'Unione democratica croata ed i suoi alleati hanno ottenuto il 36,1% dei voti. Anche se Plenkovic non otterrà ancora la maggioranza assoluta, è possibile che riesca a ottenere il sostegno dei piccoli partiti e dei rappresentanti delle minoranze etniche per formare una coalizione. Le precedenti elezioni del 2020 hanno prodotto un risultato simile.

Al secondo posto la coalizione di opposizione

Secondo proiezioni basate su risultati parziali, al secondo posto si è classificata l'alleanza di opposizione liberale di sinistra Rijeke Pravde (Fiumi di giustizia), vicina al presidente Zoran Milanovic e guidata dal Partito socialdemocratico, con il 26,0% dei voti. Al terzo posto si è piazzato il partito nazionalista di destra Domovinski Bokert (Movimento per la Patria) con il 9,7% dei voti.

Anche l'alleanza populista conservatrice di destra guidata dal partito Most (Bridge) (7,1%) e dal partito liberale verde Mozimo (We Can) (6,6%) dovrebbe raggiungere nuovamente il parlamento. L’ostacolo a questo è il 5%.

Plenkovic governa dal 2016 CroaziaL'HDZ è stato al potere per 26 dei 33 anni trascorsi dall'indipendenza del Paese. Si presenta come filooccidentale e filoeuropeo. Ma i suoi critici lo accusano di continuare ad espandere le reti di corruzione nello stato e nell’amministrazione avviate dai suoi predecessori.

READ  Elezioni in Catalogna: maggioranza per i separatisti - Politica

Accuse di corruzione contro diversi ministri

Durante quasi otto anni della sua amministrazione, Plenkovic ha perso 30 ministri a causa di scandali di corruzione. Con la recente nomina controversa del procuratore capo Ivan Torodić, fedele all'HDZ, Plenković sembra ora voler porre fine alla guerra alla corruzione e alla collaborazione, precedentemente fruttuosa, con la Procura europea.

Il principale avversario di Plenković, il presidente Milanović, ha creato un'atmosfera migliore nella campagna elettorale. Un mese prima delle elezioni, ha improvvisamente annunciato di voler diventare primo ministro a capo di un governo guidato dal Partito socialdemocratico. Ha basato questa affermazione sulle accuse di corruzione contro l'HDZ. In qualità di presidente con poteri limitati, ha usato la retorica populista per avvicinarsi all’estrema destra in Croazia. A differenza di Plenkovic, lui ha attirato l'attenzione con le sue dichiarazioni a favore della Russia sulla guerra in Ucraina.

È arrivato vicino al record Elezioni generali Tasso di partecipazione: appena due ore e mezza prima della chiusura delle urne, il tasso di affluenza alle urne ha raggiunto il 50,6%, un valore superiore al tasso di affluenza totale alle ultime elezioni del 2020, che ha raggiunto il 46,9%.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto