USA 2020, la guerra sporca è già iniziata

Mike Sagar / Reuters

Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump e il candidato presidenziale democratico Joe Biden si riflettono nel plexiglass che protegge l’operatore della telecamera dal coronavirus, partecipando al secondo dibattito della campagna presidenziale 2020 presso la Belmont University di Nashville, Tennessee, USA, il 22 ottobre 2020. REUTERS / Mike Segar TPX IMMAGINI DEL GIORNO

La guerra ai nervi inizia subito. Prima della fine dello scrutinio, Joe Biden dice di essere “sulla via della vittoria”, ma “le elezioni finiscono quando finisci di contare l’ultimo voto”. Fuse per Donald Trump: “Stanno cercando di rubare le nostre elezioni. Non puoi votare dopo la chiusura dei sondaggi! “. Ha un voto per corrispondenza che favorirebbe i Democratici e che potrebbe essere espresso in alcuni stati anche prima del 12 novembre. Twitter sta ancora entrando nell’arena politica e riporta sul twitter del presidente: “Ingannevole”. Lo farà in seguito con un messaggio del primo ministro sloveno Janez Jansa, un sostenitore di Trump. Presto Trump dichiara una “vittoria” della Casa Bianca, chiede di smettere di contare i voti per corrispondenza, agita “appello alla Corte Suprema”.

Gli Stati Uniti si oscurano: il rischio di una crisi istituzionale all’estero preoccupa anche il resto del mondo, a cominciare dall’Europa, dove i mercati stanno subendo gli effetti di una nuova incertezza.

Probabilmente anche il vicepresidente Mike Pence se ne è accorto. Sorprendentemente, Trump lo sta esortando a intervenire dopo aver incitato la folla contro i democratici che sono ancora lì a “contare i voti”, accusandoli di “frode”, di tentare di “rubare le elezioni” finché lui, “Donald”, lui avrebbe già “vinto”. – Pence è sorpreso. Sembra che abbia un sospetto (chiaramente giustificato) che il presidente voglia coinvolgerlo nella lotta. Ma non è entusiasta. Si dissocia da se stesso. Pence non parla di vittoria, arriva a che dice che “siamo sulla strada della vittoria” per opporci a Biden. Ma non chiede di smettere di contare i voti davanti a milioni di schede ancora da esaminare. “Il diritto di voto”, dice, “è il fondamento della nostra democrazia”.

READ  Il rilascio di due giornalisti iraniani incarcerati

Caos dichiarato. Questo quadro è stato temuto, almeno da quando Trump ha iniziato a mettere in discussione il voto postale, accusando da tempo i democratici di frode. Tanto è vero che alla vigilia del voto, i trampotisti e gli anti-trampolisti si stanno preparando con impazienza per le manifestazioni a sostegno di una parte o dell’altra. Se il risultato finale è sfavorevole per il presidente, il suo popolo scenderà in piazza, ma, apprende Huffpost, anche i sostenitori di Biden intendono manifestare: domenica a Washington.

Entro la fine della settimana il risultato sarà chiaro. Ma le tensioni provocate da Trump, destinato a sfidare una possibile sconfitta, fanno presagire giorni difficili sull’orlo di un baratro istituzionale, sociale e politico per gli Stati Uniti e per i partner internazionali nel mondo globale.

In poche ore il problema tra Trump e Biden diventa una guerra tra chi sfida il conteggio dei voti e chi chiede che venga conteggiato fino all’ultimo voto. Come a dire: tra chi non rispetta la legge – proprio così – e chi si rivolge alla legge per sentirsi garantito.

L’escalation in corso mina il rispetto per lo Stato di diritto negli Stati Uniti: sebbene incline a questo tipo di pericolo, mai prima d’ora Trump si è spinto così lontano in una zona “al di fuori” del vero “lontano” ovest “nel presente. Biden risponde minacciando una causa. Sarà sufficiente per calmare un paese in difficoltà?

La triste profezia del “vecchio” democratico Bernie Sanders si sta avverando. Lo ha spiegato bene in televisione ieri sera quando i seggi elettorali erano ancora aperti. “Ogni voto deve essere conteggiato”, afferma. – Ci sono stati come Pennsylvania, Michigan, Wisconsin, dove milioni di elettori voteranno per corrispondenza, e può succedere che i voti di coloro che si sono recati alle urne vengano contati per primi. Quindi temo che dopo quel conto alla rovescia parziale Trump possa andare in TV a ringraziare gli elettori per averlo rieletto, e poi quando il conto alla rovescia sarà chiuso, potrebbe gridare alla serie di barare di “Te l’avevo detto che era una truffa!”. la mia preoccupazione … “.

READ  Una DJ donna palestinese è stata arrestata. Ha "profanato" un santuario islamico giocando lì

Il conteggio non è ancora finito, ma Paperino sta già urlando.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto