Türkiye: Proteste dopo l'esclusione dei vincitori delle elezioni filo-curde

Al: 2 aprile 2024 alle 21:50

Un candidato sindaco filo-curdo ha ottenuto il maggior numero di voti nella provincia turca di Van, ma la sua elezione è stata annullata. La decisione ha aperto la strada al rivale di Erdogan nel Partito Giustizia e Sviluppo. Ciò provoca proteste.

Il DDP filocurdo ritiene di essere stato derubato della carica di sindaco dopo le elezioni locali in Türkiye. Il partito ha affermato che al suo candidato nella provincia di Van, nella Turchia orientale, è stato negato il certificato di nomina. Invece, è stato nominato sindaco il secondo candidato del Partito Giustizia e Sviluppo (AKP) del presidente Recep Tayyip Erdogan, che era indietro di circa 30 punti percentuali.

Le elezioni sono state annullate anche nella regione di Sanliurfa, nel sud-est del Paese. Domenica ha vinto anche il Partito del Movimento Democratico. Secondo quanto riportato dai media, il Partito Giustizia e Sviluppo, sconfitto di misura, ha contestato il risultato. Il Partito filo-curdo del Movimento Democratico e il capo del Partito popolare repubblicano, il più grande partito di opposizione, hanno chiesto il rispetto della volontà degli elettori.

“Perdita dei diritti civili”

Il candidato del Partito Democratico, Abdullah Zidane, è stato eletto domenica sindaco della provincia di Van con una percentuale del 55%. Secondo il suo partito, il suo diritto di candidarsi gli è stato revocato pochi giorni prima delle elezioni, su iniziativa del Ministero della Giustizia. Il contesto è che il tribunale ha modificato una decisione del 2022.

A quel tempo, Zidane fece domanda per il ripristino di tutti i suoi diritti civili dopo aver scontato la pena detentiva, compreso il diritto di candidarsi a una carica politica. Allora il tribunale aveva accolto la richiesta, ma ora – a due giorni dalle elezioni – ha ritirato la sua decisione senza informare Zidane.

READ  Nuove perdite russe nella guerra in Ucraina

A causa della precedente condanna, il candidato del DAP per Van ha perso i suoi diritti civili, secondo un comunicato pubblicato dalla Commissione elettorale. Il 52enne è stato condannato nel 2016 con l'accusa di propaganda e sostegno al Partito dei Lavoratori del Kurdistan fuorilegge.

Idranti e gas lacrimogeni sono stati lanciati contro i manifestanti

Secondo i media, molte persone a Van sono scese in piazza in solidarietà con Zidane. Secondo l'agenzia di stampa DHA, la polizia ha usato contro di loro idranti e gas lacrimogeni. Manifestazioni si sono svolte anche a Istanbul. Nella capitale Ankara, il copresidente del Partito democratico, Tuncer Bakirhan, ha denunciato quello che ha definito un colpo di stato politico.

Il sindaco rieletto di Istanbul del principale partito d'opposizione, il Partito popolare repubblicano, Ekrem Imamoglu, ha scritto sulla piattaforma X che la decisione di Van è inaccettabile e non tiene conto della volontà dei cittadini.

La DEM sospetta che ci siano più casi

Questo incidente ricorda il licenziamento dei politici locali filo-curdi avvenuto in passato: nelle elezioni locali del 2019, il partito filo-curdo ha vinto 65 cariche municipali con il nome HDP. Ma il governo di Ankara ha rimosso dai loro incarichi un gran numero di politici a causa delle accuse di terrorismo e li ha sostituiti con guardie giudiziarie. Lunedì la missione di osservazione elettorale del Consiglio d'Europa ha chiesto di porre fine a questa pratica.

Il DPK sospetta anche brogli elettorali in diverse province della Turchia sudorientale, dove è arrivato secondo dietro all’AKP. Vuole che i voti vengano conteggiati nuovamente a Bitlis, Sirnak e Kars.

Con informazioni di Pia Masurczak, ARD Studio Istanbul

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto