“Se il raffreddore da fieno non viene curato, c'è il rischio di sviluppare l'asma.”

  1. Giornale di Hersfeld
  2. Negozio
  3. salute

Insiste

Come i pollini causano malattie: Jürgen Behr, professore e direttore della clinica alla LMU, spiega il rischio di infiammazione dei bronchi.

si deve Febbre da fieno Ricevi un trattamento o puoi rassegnarti all'impulso di starnutire per alcune settimane all'anno? Il professor Jürgen Behr, primario della Clinica polmonare dell'Università Ludwig Maximilians, spiega i rischi Allergie-Minacciare i pazienti.

Il professor Jürgen Behr risponde alle domande urgenti dei soggetti allergici. © Andreas Steiger/Clinica LMU

A una persona

Il professor Jürgen Baer dirige il Dipartimento di medicina polmonare presso la Clinica universitaria Ludwig Maximilian (LMU) di Monaco. Ha 63 anni ed è specializzato in medicina interna, pneumologia e broncologia, oltre che cardiologia e allergie

È vero che il raffreddore da fieno può trasformarsi in una brutta asma?

Sì, questo è chiamato processo allergico quando i sintomi iniziano nel naso e negli occhi e poi si diffondono al tratto respiratorio profondo con il progredire della vita. Se esamini i pazienti e provochi deliberatamente reazioni allergiche, puoi vedere che la metà di loro è suscettibile all'asma; Questo è ciò che chiamiamo reazione asmatica. Di questo 50% dei pazienti affetti da raffreddore da fieno, la metà di loro sviluppa effettivamente asma clinica. Ciò significa che un quarto dei pazienti affetti da raffreddore da fieno svilupperà sintomi di asma nel corso della loro vita.

Cos'è l'asma?

L'asma è un'infiammazione della mucosa dei bronchi e della parete dei bronchi. Ciò fa sì che i muscoli bronchiali si contraggano ulteriormente e quindi restringano i bronchi.

Nell'asma, i bronchi si restringono, rendendo la respirazione particolarmente difficile.
Il disegno a sinistra mostra i bronchi normali, mentre a destra sono stretti, rendendo difficile l'espirazione. © Panthermedia/Roberto Biasini

Come si manifesta l'asma?

I pazienti spesso avvertono senso di oppressione o pressione al torace, che può verificarsi anche in modo intermittente. Non è raro che ciò accada di notte o durante una forte esposizione. La respirazione è difficile, soprattutto l'espirazione, che può essere facilmente spiegata dal restringimento dei bronchi. Ascolti spesso asma Sibilo Suoni respiratori, chiamati anche sibili. È anche comune notare una tosse o spesso una tosse con un po' di catarro vitreo.

READ  Meteo: l'inizio anticipato dell'estate porta buon umore e mal di testa

Cosa possono fare coloro che soffrono di raffreddore da fieno per evitare il rischio di sviluppare l’asma?

Il raffreddore da fieno può anche scomparire da solo. Ma può succedere anche il contrario, cioè che peggiori. Solo la cosiddetta desensibilizzazione, detta anche immunoterapia specifica, aiuta a combattere la causa stessa, ovvero la reazione eccessiva del sistema immunitario dell'organismo che causa la malattia. Tuttavia, questo non funziona per tutti i pazienti. Affinché sia ​​efficace, è necessario eseguire prima un accurato test allergologico in modo da potersi desensibilizzare in modo mirato alle allergie esistenti – sfortunatamente, non è sempre così. In un Desensibilizzazione Al paziente vengono somministrati tramite iniezione gli effetti mirati dell'allergene, ai quali il suo sistema immunitario reagisce, ad esempio polline di nocciola o betulla. Il trattamento dovrebbe essere effettuato nell'arco di tre anni. È necessario che questo sia chiaro a te stesso prima di iniziare il trattamento, perché se non ti attieni a questo, il trattamento non servirà a nulla.

Un paziente affetto da raffreddore da fieno viene sottoposto a test allergici.
Solo i test allergologici possono fornire chiarezza sulla migliore strategia contro il raffreddore da fieno. ©Panthermedia/Alexraths

Quando i pazienti affetti da raffreddore da fieno dovrebbero iniziare a prendere in considerazione il trattamento?

Il vero raffreddore da fieno si verifica quando i pazienti ne soffrono per alcune settimane all'anno. Non solo provoca naso che cola e prurito agli occhi, ma la tua capacità di concentrazione è spesso compromessa e ti senti debole e malato. Se qualcuno fosse clinicamente compromesso, valuterei se sia necessaria l’immunoterapia. Perché i colliri e i farmaci per i sintomi dell’allergia non eliminano mai la causa stessa, ma solo i sintomi che provoca.

Chi merita di essere sensibile?

Funziona meglio quando l'allergia non è presente da molto tempo. Gli studi dimostrano che se il raffreddore da fieno viene trattato molto presto, al massimo dopo tre anni, con un'immunoterapia mirata, l'effetto è migliore. Questo non funziona per tutti i pazienti e questo dovrebbe essere chiarito. I pazienti che reagiscono meglio ad essi sono quelli che non sono allergici a molte sostanze, ad esempio a diversi pollini o addirittura alla polvere domestica o ai peli di animali, ma solo ad alcuni allergeni. Anche l’immunoterapia può avere effetti collaterali.

READ  Il collagene assicura una pelle compatta e fa scomparire la cellulite

Quali sono i possibili effetti collaterali?

Inizialmente, viene effettuata un'iniezione ogni una o due settimane, man mano che le dosi aumentano. Una volta raggiunta la dose massima, gli intervalli vengono estesi da sei a dodici settimane. Dopo la somministrazione dell'iniezione, i pazienti vengono monitorati per un'ora per vedere se hanno reazioni e, nel peggiore dei casi, può verificarsi uno shock anafilattico.

Questo articolo contiene solo informazioni generali sull'argomento sanitario in questione e non è quindi destinato all'autodiagnosi, al trattamento o alla terapia. Non sostituisce in alcun modo la visita dal medico. Alla nostra redazione non è consentito rispondere a domande individuali sulle condizioni mediche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto