Rifugiati: il presidente federale Steinmeier chiede una soluzione europea per l’accoglienza dei rifugiati – Politica

In effetti, il ruolo del presidente federale esula dall’ambito degli avvenimenti politici quotidiani. Dopotutto, la sua influenza nella vita quotidiana è molto limitata. Ma ciò che gli resta è la forza della parola. Ora ne ha approfittato Frank-Walter Steinmeier: durante la sua visita in Italia, il Presidente federale ha spiegato come, a suo avviso, si potrebbe controllare l’attuale problema migratorio. “Non funzionerà senza regole europee comuni”, ha detto Steinmeier a Siracusa. Lo ha invitato il capo dello Stato italiano, Sergio Mattarella.

Siracusa si trova in Sicilia, da un lato patria di Mattarella, e dall’altro molti profughi vengono portati lì dopo essere arrivati ​​nell’isola di Lampedusa nel Mediterraneo. Negli ultimi giorni Lampedusa è diventata un punto caldo per i problemi migratori. Secondo quanto riportato dall’agenzia di stampa italiana ANSA, solo giovedì sono arrivate lì più di 700 persone. La settimana scorsa c’erano più di 5.000 persone al giorno. Il centro di prima accoglienza è sovraffollato e sull’isola è stato dichiarato lo stato di emergenza.

La Germania ha sospeso per il momento il meccanismo di solidarietà

Ancor prima di partire mercoledì per l’Italia, ha detto Steinmeier al quotidiano italiano Corriere della Sera Rilasciato un colloquio. In esso, ha chiesto una distribuzione più equa degli oneri in Europa e un monitoraggio più rigoroso delle frontiere esterne dell’Europa. “Dobbiamo combattere con decisione le azioni criminali dei trafficanti”. La Germania, come l’Italia, è “al punto di rottura”. Pertanto tutti devono impegnarsi “affinché il peso resti sopportabile e il numero degli arrivi diminuisca nuovamente”.

Ma la cooperazione tra i paesi è diventata sempre più difficile. La Germania, ad esempio, ha recentemente sospeso il meccanismo volontario di solidarietà attraverso il quale la Repubblica Federale accetta immigrati dall’Italia. Il contesto è che gli italiani, da parte loro, rifiutano di rimpatriare i rifugiati secondo le regole di Dublino dell’UE, e sempre più persone già registrate in Italia e in altri paesi dell’UE chiedono asilo in Germania. Secondo le norme dell’UE, lo Stato membro che ammette per primo un rifugiato è in linea di principio responsabile per il rifugiato.

READ  Imposte, IRES, IRPEF e IRAP: mini riporto al 10 dicembre. Patuaneli: sospensione dei termini fiscali in Cdm fino a fine anno

Questo è ciò che ha detto Steinmeier Corriere della Sera, La Germania ha accolto più di 1.000 rifugiati dall’Italia attraverso questo meccanismo di solidarietà volontaria, “più di qualsiasi altro paese europeo”. Per garantire che questo sistema volontario non rimanga com’è, “è necessario istituire un meccanismo di solidarietà permanente” nei negoziati sul sistema comune europeo di asilo. A giugno i paesi dell’Unione Europea hanno concordato di riformare il sistema di asilo, in linea di principio.

Con le sue dichiarazioni il Presidente federale alimenta un dibattito sempre più intenso attorno alla questione di come ridurre l’elevato numero di migranti. Allo stesso tempo, i nuovi dati forniscono informazioni su da dove le persone si dirigono verso la Germania e quali sono le loro possibilità di restare. Secondo l’Ufficio federale per la migrazione e i rifugiati (Bamf), il 60% delle 204.000 persone in cerca di protezione che hanno presentato domanda di asilo per la prima volta nei primi otto mesi di quest’anno provenivano da soli tre Paesi: dalla Siria (60.000), dalla dalla Siria (60.000), dall’Afghanistan (36.000) e dalla Turchia (29.000). Migliaia di loro non hanno nemmeno dovuto attraversare il confine: quasi 12.000 domande di asilo nella prima metà dell’anno riguardavano quelli che nella terminologia ufficiale sono conosciuti come “bambini successivi”, nati come bambini rifugiati in Germania. Altri 10.000 richiedenti vivevano già legalmente nel paese con un permesso di soggiorno o tolleranza.

Ci risulta che il Ministero federale degli Interni abbia risposto all’inchiesta della deputata di sinistra del Bundestag Clara Bünger, che… Giornale della Germania meridionale I dati disponibili mostrano anche che la percentuale di persone la cui domanda di protezione è stata riconosciuta dall’Ufficio rimane elevata. Il 71,3% delle persone le cui domande sono state decise dall’Ufficio federale nella prima metà dell’anno hanno ottenuto lo status di protezione e il permesso di soggiornare legalmente. In effetti, il tasso per i siriani raggiunge il 100%, mentre per gli afgani è ancora al 99,1%. Non ci sono deportazioni verso nessuno dei due paesi a causa della situazione lì.

READ  Pizza "guerra" tra Stati Uniti e Italia

“Lo Stato e i comuni hanno raggiunto i loro limiti”, afferma il primo ministro della Turingia Ramelow.

Al contrario, l’ufficio ha riconosciuto solo il 21,9% dei richiedenti asilo turchi. Georgiani, moldavi e indiani hanno ricevuto protezione solo in un numero limitato di casi individuali e l’Ufficio federale per la migrazione ha respinto oltre il 99% delle domande. Il governo federale vuole classificare la Georgia e l’India come “nazioni consolidate più sicure”. Per i richiedenti l’asilo provenienti da altri paesi, che la FDP e la CDU/CSU volevano ancora includere in questa lista, il tasso di protezione era leggermente più alto: per i tunisini era del 4,5, per gli algerini del 6,1 e per i marocchini del 15,6%.

L’interrogante Bonger ritiene che si tratti di un “tasso di protezione molto elevato”. Descrive le discussioni sulla limitazione della migrazione dei rifugiati come “illegali, irrealistiche e disumane”. Occorre invece affrontare le cause della fuga. “Non c’è alternativa a questo in termini di diritti umani”, dice il deputato di sinistra.

D’altro canto, il suo collega di partito Bodo Ramelo è uno di quelli che vogliono condurre questa discussione. “Lo Stato e i comuni hanno raggiunto i loro limiti”, ha detto il primo ministro della Turingia. Posta del Reno. Tuttavia, Ramelow ha rifiutato il controllo tedesco delle frontiere a est, come fortemente richiesto dal ministro degli Interni della Sassonia Armin Schuster (CDU): “L’impiego della polizia nella Foresta della Turingia esclusivamente a scopo dimostrativo non aiuta”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto