Nuovi diritti per i consumatori dell’UE: riforma anziché smaltimento

Al: 23 aprile 2024 alle 05:58

L'apparecchio si rompe dopo esattamente due anni ed è più economico acquistarne uno nuovo piuttosto che ripararlo? Ciò dovrebbe cambiare in futuro grazie alla nuova legislazione dell’UE.

Il diritto alla riparazione mira a contribuire a stimolare l’economia circolare dell’UE e a ridurre le montagne di rifiuti. Secondo i calcoli della Commissione Europea, ogni anno vengono generati circa 35 milioni di tonnellate di rifiuti a causa di prodotti smaltiti troppo presto anziché riparati. Il danno annuo per i consumatori è stimato a 12 miliardi di euro.

“Renderemo più attraenti le riparazioni entro il periodo di garanzia legale estendendo il periodo di garanzia legale ad un tasso fisso di un anno se il consumatore decide di intraprendere la riparazione”, ha affermato l'eurodeputato SPD Rene Ripassi.

Incentivi per le riforme

Anche dopo la scadenza del periodo di garanzia, i consumatori dovrebbero essere in grado di effettuare riparazioni semplici ed economiche, ove possibile. “Inoltre, chiediamo ai produttori di riparare il prodotto anche dopo la scadenza del periodo di garanzia e creiamo l'obbligo per tutti gli Stati membri di promuovere le riparazioni nei loro territori”, ha affermato Ripassi.

Potrebbero trattarsi, ad esempio, di voucher o fondi nazionali per le riparazioni. Ulteriori incentivi intendono rendere le riparazioni più attraenti in futuro consentendo a venditori e rivenditori di prestare un dispositivo sostitutivo durante il processo di riparazione o di offrire un modello ricondizionato se il prodotto non può essere riparato nuovamente. In futuro nuove riparazioni potrebbero non essere rifiutate per prodotti già riparati.

Riparazioni più facili in officine indipendenti

Le nuove norme riguardano gli elettrodomestici pesanti come frigoriferi e lavastoviglie, ma anche smartphone, tablet e biciclette. L’elenco potrebbe però essere ampliato nei prossimi anni.

READ  Quest’anno l’Europa meridionale sta vivendo la sua prima ondata di caldo

In futuro i consumatori che vorranno riparare il loro aspirapolvere rotto potranno farlo più facilmente presso officine indipendenti. In futuro, i produttori dovranno fornire parti di ricambio e istruzioni necessarie per la vita prevista del prodotto. La piattaforma europea di riparazione dovrebbe inoltre indicare ai consumatori il percorso più rapido per raggiungere le officine di riparazione.

I prodotti dovranno farlo in futuro È facile da risolvere Lui è

Le nuove regole rendono inoltre più semplice per gli hobbisti e i dilettanti riparare da soli il prodotto. Ciò inizia con lo sviluppo del prodotto. I produttori sono tenuti a garantire che i prodotti siano riparabili, ovvero che non vi siano intoppi software o hardware integrati che rendano difficile l'apertura dei dispositivi utilizzando strumenti standard.

“In futuro potremo riparare i nostri telefoni cellulari, computer portatili e lavatrici in modo più semplice, rapido ed economico”, afferma l'eurodeputata Anna Cavazzini elogiando le nuove norme.. “Abbiamo steso il tappeto per l’economia circolare, cambiando il modo in cui facciamo affari e rendendo la sostenibilità un modello di business utile”.

Una volta approvata, i paesi dell’UE avranno due anni per incorporare il diritto alla riparazione nelle loro leggi nazionali.

Paul Foriter, ARD Bruxelles, ora Strasburgo, Tagesschau, 23 aprile 2024 alle 00:27

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto