Sconfitta per Erdogan e i nazionalisti alle elezioni turche

  1. Home page
  2. Politica

Insiste

Il presidente Recep Tayyip Erdogan è stato sconfitto alle elezioni locali in Turchia. Il dominio del suo Partito Giustizia e Sviluppo sta crollando.

Aggiornato dal 2 aprile, 5:05: Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan ha indicato una correzione di rotta dopo la sconfitta del suo partito nazionalista conservatore Giustizia e Sviluppo alle elezioni locali. “Se commettiamo un errore, lo correggeremo”, ha detto Erdogan lunedì (1 aprile) nella sede del partito ad Ankara. Tuttavia, ha lasciato aperta la questione dei cambiamenti che intende apportare all’interno del suo partito o in politica. “Questa non è la fine per noi, ma piuttosto un punto di svolta”, ha detto Erdogan. Allo stesso tempo, ha riconosciuto le perdite dell’AKP.

L'opposizione del Partito popolare repubblicano, il partito del fondatore della moderna Turchia, Mustafa Kemal Ataturk, ha ottenuto quasi il 38% dei voti a livello nazionale. Era più di due punti avanti rispetto al Partito Giustizia e Sviluppo. Lo stesso Erdogan non è stato eletto per altri cinque anni, nel maggio 2023. Tuttavia, le elezioni locali, in cui i consigli comunali e locali sono stati riconfermati, sono state viste come un’importante prova di sentimento.

Elezioni locali in Turchia: il presidente Recep Tayyip Erdogan ammette la sconfitta. © Khalil Hamra / Agenzia di stampa tedesca

Nelle elezioni, che hanno attirato particolare attenzione a Istanbul, la più grande città della Turchia, ha vinto l'attuale sindaco Ekrem Imamoglu del Partito popolare repubblicano. Ha ricevuto il 51% dei voti, il che gli dà un vantaggio di undici punti sul suo rivale del Partito Giustizia e Sviluppo. I sondaggi d'opinione avevano precedentemente indicato una corsa serrata. “L’era del governo individuale finisce oggi”, ha detto Imamoglu. L'ex uomo d'affari di 53 anni è considerato un futuro candidato alla presidenza.

READ  I funzionari di Hamas sperano in una guerra “permanente” con Israele

I risultati provvisori pubblicati dall’agenzia di stampa ufficiale Anadolu mostrano che l’AKP e i suoi alleati hanno perso incarichi municipali in 10 grandi città. Secondo le informazioni, queste aree includevano Bursa e Balikesir nel nord-ovest industriale del paese. Secondo gli osservatori, il Partito Giustizia e Sviluppo è stato punito a causa della difficile situazione economica. “L’economia è stata il fattore decisivo”, ha detto Hakan Akbas di Albright Stonebridge, un gruppo di consulenza politica. “Il popolo turco vuole il cambiamento e Imamoglu è ora l’avversario naturale del presidente Erdogan”.

Elezioni locali in Turchia: sconfitta per Erdogan

Prima notizia: Ankara – Le elezioni locali in Turchia potrebbero essere un disastro per il presidente Recep Tayyip Erdogan. Nelle città di Istanbul e Izmir, così come nella capitale Ankara, è chiaro che l'opposizione del Partito popolare repubblicano sta avanzando. Dopo aver contato il 43% dei voti, il Partito popolare repubblicano ha ottenuto il 38,47% a livello nazionale, rispetto al 37,22% del Partito Giustizia e Sviluppo. Sembra che anche Bursa, governata dall’AKP per 20 anni, avrà in futuro un sindaco del CHP.

Imamoglu sembra fiducioso di vincere le elezioni locali, ma invita alla cautela

Inizialmente, il sindaco di Istanbul Ekrem Imamoglu (CHP) è rimasto cauto in una conferenza stampa tenutasi poco dopo le elezioni. Anche se il suo partito è in vantaggio, non sono ancora stati conteggiati tutti i voti. Così ha detto la grande speranza del suo partito dopo aver interrotto il digiuno la sera. “I risultati mostrano fiducia in noi”, ha detto Imamoglu. Tuttavia non tutti i voti sono stati ancora conteggiati. Per il suo partito non sono importanti solo i risultati nelle grandi città come Istanbul, Izmir e Ankara, ma anche i successi nella lotta per i seggi nei parlamenti cittadini e distrettuali del paese.

READ  Joe Manchin: il ritiro del democratico potrebbe mettere a repentaglio la maggioranza al Senato americano

Secondo priorità Risultati non ufficiali delle elezioni turche Il Partito Giustizia e Sviluppo di Erdogan ha perso le elezioni municipali nell'importante città di Istanbul. Ekrem Imamoglu, del Partito popolare repubblicano di centrosinistra, dopo lo spoglio di quasi tutti i voti ha ottenuto circa il 51% ed è stato quindi rieletto, ha riferito lunedì sera l'agenzia di stampa ufficiale Anadolu. Vincere le elezioni municipali di Istanbul era il principale obiettivo dichiarato di Erdogan nelle elezioni locali in Turchia.

È tempo di cambiare la politica in Turchia

Il leader del Partito popolare repubblicano Ozgur Ozil si è detto ottimista dopo le elezioni. “Presto riceverete buone notizie. Ma non siate negligenti”, ha scritto il politico su Politica: L'immagine della Turchia deve cambiare dopo 22 anni.

Il presidente Recep Tayyip Erdogan voleva riconquistare le città di Istanbul e Ankara alle elezioni locali.
Il presidente Recep Tayyip Erdogan perde ancora nelle principali città alle elezioni locali. © Imago/Tolga Uluturk

“Vogliamo diventare di nuovo uno stato costituzionale”, ha scritto Ozil. Ha anche criticato il fatto che nelle città curde si abusi delle forze di sicurezza per rafforzare i voti del Partito Giustizia e Sviluppo. Circa 47.000 persone sono state trasportate lì con gli autobus per esprimere il loro voto per il Partito Giustizia e Sviluppo di Erdogan. Ozil ha affermato che molte forze di sicurezza ne sono insoddisfatte.

Istanbul e Ankara sono molto importanti per Erdogan

Le vittorie a Istanbul e nella capitale Ankara sarebbero state di grande importanza per Erdogan. Un risultato elettorale che dia l’impressione che Erdogan possa essere sconfitto potrebbe mettere a dura prova la coalizione di Erdogan. L’esperto turco Dr. dice: Suleyman Ozren dell'American University di Washington in conversazione con Fr.de di Ippen.Media.

La povertà è la questione dominante nelle elezioni locali in Türkiye

Il tema prevalente nel periodo precedente alle elezioni locali in Türkiye è stato l'aumento della povertà nel paese. I pensionati in particolare avrebbero potuto avere un ruolo decisivo nelle elezioni locali. La pensione minima è attualmente di 10.000 TL (circa 286 euro), ed è quindi molto inferiore al salario minimo di 17.000 TL (circa 486 euro). L'importo non è sufficiente a causa dei prezzi elevati sia davanti che dietro. Per fare un confronto: la “soglia della fame” del Paese è di oltre 20.000 lire turche. Ciò indica la spesa minima per il cibo per una famiglia di quattro persone. Dato che nel Paese sono presenti più di 15 milioni di pensionati, il peso di questo gruppo nelle elezioni locali è particolarmente elevato.

READ  Dopo una frana nel sud della Norvegia: almeno cinque feriti

Secondo i risultati dello spoglio finora, il Partito del Movimento Nazionalista, alleato del Partito del Movimento Nazionalista, e l’altrettanto nazionalista Partito del Buono, oltre al Partito Giustizia e Sviluppo, sono i maggiori perdenti nelle elezioni locali in Tacchino. Nel 2019, il Partito del Movimento Nazionale ha ricevuto il 7,31% a livello nazionale, mentre il Partito del Buono ha ricevuto il 7,45%. Il Partito del Movimento Nazionalista ha attualmente solo il 4,09%, mentre il Partito del Buono ha il 3,45%.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto