“Negazione, ansia, paura. È così che gli italiani sperimentano nuove infezioni”

“Con la pandemia ci aspettiamo 150.000 nuovi casi di depressione maggiore, nel 63 per cento degli italiani i sintomi mentali sono durati più di quindici giorni”. Lo psichiatra Claudio Menkachi in una conversazione con HuffPost spiega l’effetto sulla psiche della seconda ondata. La popolazione alle prese con nuove misure per frenare il virus sta sperimentando ogni giorno paura, negazione e rabbia. I vincoli, ormai percepiti come non digeriti, proiettano nel futuro l’orizzonte spensierato della normalità e del divertimento a cui l’uomo è abituato a quel maledetto evento periodico sintetizzato nell’acronimo Covid-19. Nella prima fase, chi ha avuto la fortuna di non ammalarsi, di non farsi male e di avere un lavoro fisso, in alcuni casi ha vissuto il blocco come un’esperienza di un grande sacrificio da vivere. monouso, con un leggero limite di tempo, alleggerito da canti di solidarietà collettiva alle finestre. Tuttavia, ora che il naso (coperto da una maschera) è sospeso sulla seconda ondata, nessuno soffre di questo modo di vivere e la coscienza sta aspettando. “Al giorno d’oggi”, spiega il presidente della Società Italiana di Neuropsicofarmacologia, “uso la frase Murakami, che assomiglia a questa: probabilmente non sai nemmeno come sei passato e ne sei uscito vivo, ma a un certo punto non ci sono dubbi ed è quello che tu, uscendo da questo vento, non sarai quello che ci è entrato“.

La seconda ondata sembra aver cambiato la nostra psicologia: siamo stanchi e siamo “sopraffatti dalla voglia di tornare a ciò che era prima”. Queste parole sono usate su Egli corse scrittore Paolo Jordan, sei d’accordo?

Non ho menzionato accidentalmente Murakami. Si osserva un desiderio di tornare “com’era prima”, ma è un desiderio perduto, un pensiero che, senza accettare il cambiamento, crea un’età dell’oro, un tempo che è stato e non sta tornando. Da una parte c’è l’incertezza, dall’altra c’è sempre una paura molto forte che affronta il rifiuto o l’evitamento, ma soprattutto la paura genera sempre rabbia.

Alcuni sono usciti sondaggio rappresentanti internazionali che parlano di problemi di salute mentale, depressione, ansia, ecc.

Sì, e quello che mi ha colpito di più è che il 63 per cento degli italiani presentava sintomi mentali durati più di quindici giorni. Gli inglesi e gli spagnoli sono più alti di noi, i tedeschi sono più bassi del 50 per cento.

READ  le parole del virologo Sylvester sono incoraggianti

Quali sono i sintomi più comuni?

Ci sono stati una serie di sintomi che sono principalmente – oltre ai disturbi del sonno, che poi causano irritabilità – sintomi di depressione, ansia, soprattutto grande paura.

La parola che ritorna.

Il tema di poter essere nuovamente sigillato – a causa dell’invisibile nella sua azione del nemico, ma molto evidente nel suo impatto – porta alla negazione di questo stato. Stiamo anche affrontando uno scontro di generazioni: c’è una fascia di popolazione, adolescenti, giovani e un gruppo di over 65 che nel nostro Paese costituiscono il 22 per cento, e si oppongono a stili di vita, su senso di protezione e responsabilità reciproca. La pressione è sui giovani che, un po ‘per natura e un po’ per la loro forte voglia di condivisione, fanno fatica ad accettare i limiti, soprattutto quelli emotivi che ci vengono richiesti oggi, perché abbiamo bisogno di imparare un’altra lingua, dobbiamo imparare a gestire la nostra affettività e -altrimenti dovremmo essere in grado di comunicare non con le manifestazioni a cui siamo abituati.

E lo stesso vale per le condizioni economiche.

Ci sono persone che giustamente si sentono molto danneggiate, impoverite per molte persone sulla soglia di casa. Con la società che presiedo, abbiamo pubblicato su un’importante rivista internazionale quanto peserà l’insieme degli effetti psicologici associati al distanziamento relazionale, quanto si rapporta alla complessa miseria di chi ha perso una persona cara, quanto è aumentata la crescita. meno di 15mila euro l’anno e quanto peserà la disoccupazione. Si prevede che portino a circa 150mila nuovi casi di depressione maggiore. Sono numeri grandi che si aggiungono a quelli che abbiamo stabilmente, e che in Italia sono 1 milione.

La pandemia è stata un “lutto” rispetto alle nostre vite precedenti? Anche se tornasse alla normalità, diventerà un nuovo normalizzatore, senza possibilità di riavvolgimento del nastro?

Il nastro non si riavvolge, ne sono abbastanza sicuro, anche perché ora il virus è arrivato, ma il nastro è in funzione dal 2001, quando è iniziata la diffusione globale della paura. Si tratta della paura di oggi, che si basa su un’altra paura di ieri. Queste paure stanno crescendo, sono iniziate con il terrorismo e poi sono proseguite in modi diversi, costringendo le persone a cambiare le modalità di interazione e stile di vita, trasformandole sempre più in uno stato di prontezza al combattimento. Ora il nemico è invisibile e così diffuso da suscitare un senso di preoccupazione.

READ  Scoperta! Il plasma freddo distrugge COVID-19 in meno di 30 minuti. Ecco come »ILMETEO.it

O dobbiamo ancora accettare la realtà e smetterla di negarla?

Per riconoscere che le cose non possono tornare a quello che erano prima, dobbiamo creare un’atmosfera di solidarietà e vicinanza per darci il coraggio di resistere al cambiamento perché il cambiamento è già in arrivo e il tema è che le persone non possono sempre percepire e accettare . Non vorrei citare San Francesco d’Assisi, perché il 4 ottobre è già passato da qualche giorno …

Fare, fare.

Usa la bellissima espressione: “Dammi la pace della mente per accettare ciò che non posso cambiare”.

Molto semplice da dire ma da non fare, non credi?

In alcune parti della vita siamo impotenti. In quei passaggi che portano alla trasformazione, al cambiamento, siamo impotenti. A volte lo sperimentiamo durante la nostra esistenza quando la storia d’amore finisce. L’unica cosa che possiamo fare in questi casi è accettare il cambiamento.

Sembra come rompere con qualcuno e poi ricollegarsi? Non sei più quello che eri una volta. Ma possiamo tornare alla felicità insieme?

Sono richieste due condizioni: che le persone siano cambiate e che siano cambiate in una direzione, quindi è possibile se il tempo è passato abbastanza per adattarsi a un nuovo scenario, a nuove condizioni e per capire come sono cambiate le nostre aspettative, i nostri sogni, i nostri progetti. Ci siamo illusi di anticipare, ora siamo in un mare agitato e non possiamo permetterci di guardare la riva che ci resta.

Siamo stanchi delle regole: pesa la fatica?

C’è una costante frammentazione della popolazione, le persone sono esauste da queste condizioni emotive e questo influirà sulla salute.

Vuoi dire che anche gli operatori sanitari sono in uno stato di stress?

Gli operatori non sono più gli stessi di prima, sono operatori demoliti. Hanno già vissuto un periodo di stress molto elevato e condizioni di burnout associate alla congestione. Hanno già faticato e quindi dobbiamo credere che la loro capacità di risposta sia sempre efficace, ma abbiamo a che fare con persone stanche. Questa è una cosa importante.

READ  Freddo anormale in Europa, gelo negli Stati Uniti. Il riscaldamento globale è scomparso?

In quale direzione possiamo cercare sollievo e credere nel futuro?

Possiamo mantenere questa capacità di resistere, di essere resilienti. Quello che le persone chiedono è di essere compatti gli uni con gli altri in modo che ci fidiamo l’uno dell’altro. Nel 2019 c’era un’azienda che non si fidava di nessuno, in Italia prevaleva la sfiducia, concentrata solo sulla realizzazione dei propri interessi. Quest’anno 2020 ha aperto di nuovo la solidarietà e ora dobbiamo guardare con fiducia alla prossima primavera.

La sofferenza della pandemia renderà felici coloro che non hanno fatto la guerra una volta che sarà finita?

Un giorno questo dolore ci sarà utile. Prima della pandemia, c’era un culto dell’egualitarismo – un culto dell’anestesia della solidarietà. Rispetto a ciò, credo che tutto ciò che accadrà ci servirà, non ho dubbi che miglioreremo. Povero ma migliore.

L’ultimo. Un recente articolo di New York Times racconta di un boom di domande negli Stati Uniti per trovare un partner per una relazione seria a lungo termine. Non dirci che Covid ha interrotto una tendenza amorosa di una volta con app per focolai di contatti sessuali e narcisismo …

Sigillare, bloccare e così via solleva diverse domande a questo proposito. Direi che nel contesto della rivoluzione digitale, a parte l’e-commerce, l’e-government e l’e-learning, avremo sicuramente l’e-love. Fondamentalmente ci dice che prima dei momenti difficili dobbiamo costruire relazioni che abbiano valore e ci permettano di fare un progetto a lungo termine.

È scomparso da molto tempo, giusto?

Sì, perché non capivamo il valore delle cose intorno a noi. È stato consumato, bruciato, come è successo con una storia d’amore. Ora credo che ci sia un ritorno alla pianificazione, ed è questo ritorno alla pianificazione che ci dà un’idea del futuro.

Written By
More from Rocco Miniati

Acquista l’indice DAX in rosso o approfitta del rimbalzo per la vendita?

Le ultime sessioni di trading sul DAX e non solo sono state...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *