Morte di una star “live”

Un gruppo di ricercatori diUniversità di Birmingham ha catturato gli ultimi momenti della vita stella in precedenza era lacerato da un buco nero. L’evento della distruzione delle maree – il cosiddetto fenomeno – ha creato un’esplosione che è stata osservata lo scorso anno a soli 215 milioni di anni luce da noi, la più vicina di tutte finora registrata. Per avere una panoramica di un fenomeno chiamato AT2019qiz, gli astronomi hanno sottolineato Un telescopio molto grande e Telescopio delle nuove tecnologie ESO alla sorgente di luce e le successive osservazioni si sono svolte nell’arco di sei mesi, coinvolgendo anche l’Harvard Center for Astrophysics e Osservatorio di Fred Lawrence Whipple ad Amadou, Arizona. Lo studio è stato pubblicato sulla rivista Royal Astronomical Society.

“La distruzione delle maree è il risultato della distruzione di una stella che si avvicina troppo a un buco nero supermassiccio e subisce un processo fare gli spaghetti – commenta Ed Berger, uno degli autori dello studio – in questo caso metà della massa della stella ha alimentato un buco nero e l’altra parte è stata buttata fuori.

Questi rari fenomeni sono spesso oscurati da uno spesso velo polvere e detriti il che complica l’identificazione. Dettagliato, AT2019qiz è stato trovato poco dopo che la stella è stata strappata, il che ha facilitato l’analisi. “Siamo stati fortunati e siamo stati in grado di vedere questo fenomeno osservando il velo di polvere e detriti che si alzava mentre il buco nero iniziava un potente deflusso di materiale a velocità fino a 10.000 km / s – continua Alexander Alexander, coautore dello studio – questo rapido sguardo lo ha permesso identificare l’origine del materiale blackout; e guarda in tempo reale mentre avvolge il buco nero ”.

L’evento aiuterà gli scienziati a comprendere meglio i buchi neri supermassicci e il business che li circonda. “L’AT2019qiz è l’evento di marea e streaming più vicino fino ad oggi, ed è quindi ben osservato attraverso di esso spettro elettromagnetico -conclude Berger – questa è la prima volta che vediamo la fuoriuscita di gas durante il fenomeno di distruzione e accumulo, il che spiega sia il processo ottico che radiazioni radio abbiamo visto in passato. Finora, la natura di queste emissioni è stata molto discussa, ma questo evento rivela processi fisici che includono un aumento massiccio e l’emissione da buchi neri supermassicci “.

Continuare a leggere studio

READ  Dei quasi 15.000 strisci registrati dall'inizio della pandemia, 193 erano positivi, 95 dei quali asintomatici durante lo screening regionale - regione Emilia-Romagna

Written By
More from Rocco Miniati

Come la borsa ha chiuso oggi grazie ad un fiume di denaro arrivato nella seconda parte della seduta

Le borse europee rispondono a Covid e ottengono una buona seduta con...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *