L’Ucraina vuole esortare i coscritti rifugiati a tornare a casa

L’Ucraina sospende il rilascio di passaporti agli uomini tra i 18 e i 60 anni che vivono all’estero. L’invio di passaporti alle missioni diplomatiche ucraine all’estero “non sarà più praticato”, afferma un regolamento pubblicato mercoledì sul portale online ufficiale del governo. Ciò significa che in futuro gli uomini ucraini in età militare potranno ottenere il passaporto solo nel paese.

La misura fa parte degli sforzi del governo ucraino per incoraggiare gli uomini a tornare in patria. Martedì il Ministero degli Affari Esteri a Kiev ha annunciato la sospensione temporanea dei servizi consolari per gli uomini ucraini residenti all'estero di età compresa tra 18 e 60 anni, ad eccezione del rilascio delle carte d'identità per il ritorno in Ucraina.

All’inizio di aprile il parlamento di Kiev ha approvato una controversa legge sulla mobilitazione dei soldati.

11.04.2024 | 03:15 minuti


Il ministro degli Esteri Dmytro Kuleba ha scritto martedì nel servizio elettronico X:

Poco dopo l’adozione della nuova e più severa legge sulla mobilitazione, il Ministero degli Esteri ucraino ha ordinato la cessazione dei servizi consolari per i coscritti fuggiti all’estero.

“Se queste persone pensano che qualcuno stia combattendo al fronte lontano e sacrificando la propria vita per questo paese, e qualcun altro sia seduto fuori a ricevere servizi da questo paese, allora non funziona”, ha detto Kuleba.

Dopo che si è saputo il punto di mobilitazione previsto dalla legge, davanti ai consolati ucraini nei principali paesi rifugiati dell'Unione europea si sono formate lunghe file di uomini. Volevano richiedere nuovi passaporti prima che entrassero in vigore.

Come viene accolto dalla popolazione il progetto di reclutamento? Lo riferisce il corrispondente della ZDF Henner Heibestreit.

READ  Israele e Gaza vivono | La Turchia lancia un attacco di terra: finirà con massacri

11.04.2024 | 01:14 minuti


Mercoledì centinaia di ucraini hanno protestato davanti all'ufficio di rilascio passaporti della capitale polacca Varsavia, perché i loro documenti non erano stati consegnati loro. Le autorità hanno giustificato l’interruzione con “problemi tecnici”. L'ambasciatore dell'Ucraina in Polonia, Vasyl Swarych, ha confermato all'AFP che tutte le richieste di documenti di viaggio presentate prima del 23 aprile verranno elaborate.

L’Ucraina ha dovuto affrontare l’invasione russa per più di due anni. Con la legge marziale in vigore, ai coscritti era vietato lasciare il paese, con poche eccezioni. Tuttavia, centinaia di migliaia di uomini ucraini sono fuggiti all’estero con documenti falsi o hanno attraversato il confine verde per evitare il servizio militare.

Secondo il ministro degli Interni ucraino Ihor Klymenko, il suo ufficio sta già cercando centinaia di migliaia di persone che hanno ignorato le bozze di avviso e le citazioni in giudizio. L'esercito ha recentemente incontrato grandi difficoltà nel reclutare nuovi soldati.

Puoi trovare i resoconti attuali sull'attacco russo all'Ucraina in qualsiasi momento sul nostro blog live:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto