Lo studio indica un rischio più elevato di attacchi di cuore – FITBOOK

Lo studio indica un rischio più elevato di attacchi di cuore – FITBOOK

Chiunque si senta costantemente vulnerabile non dovrebbe prenderlo troppo sul serio. L’affaticamento vitale in corso, noto anche come burnout, può essere particolarmente pericoloso per gli uomini: secondo un nuovo studio, è associato a un aumento del rischio di infarto.

Tutti sanno come sentirsi stanchi ed esausti di tanto in tanto. Diventa dubbio quando questa modalità non si ferma. Poi si parla di stanchezza vitale, nota anche come sindrome da burnout ed è identificata da tre caratteristiche: stanchezza eccessiva, spiccata mancanza di energia, maggiore irritabilità e sensazione di frustrazione. Quanto può essere pericoloso non solo mentalmente, ma anche fisicamente Nuovo studio dalla Russia. Questo è stato recentemente presentato a una conferenza scientifica online della Società europea di cardiologia (ESC). Mostra che gli uomini che soffrono di stanchezza vitale sembrano avere maggiori probabilità di avere un attacco di cuore. Il rischio era particolarmente pronunciato tra gli uomini non sposati, divorziati e vedovi.

Studio a lungo termine: i legami tra stanchezza e attacchi di cuore

L’autore dello studio Dr. Dmitry Banov dell’Istituto di scienza cellulare e genetica di Novosibirsk, Russia: “Si ritiene che sia una risposta a problemi persistenti nella vita delle persone, specialmente quando non sono in grado di far fronte a un’esposizione prolungata allo stress psicologico”.

Lo studio ha esaminato la relazione tra stanchezza vitale e rischio di attacchi di cuore negli uomini senza una storia di malattie cardiovascolari. Lo studio ha utilizzato i dati di Monica Project Organizzazione mondiale della Sanità. Lo studio ha incluso un campione rappresentativo di 657 uomini di età compresa tra 25 e 64 anni a Novosibirsk. I sintomi della bio-fatica sono stati registrati nel 1994. I partecipanti sono stati classificati in base al loro livello di bio-fatica: no, moderato o alto. Quindi sono stati monitorati per attacchi di cuore per 14 anni.

READ  Niente "Rock Im Park", niente "Southside": festival 2021 cancellati

Interessante anche: Fattori che spesso portano al burnout

2,7 volte il rischio di sviluppare un infarto miocardico con esaurimento biotico

Complessivamente, due terzi (67%) degli uomini erano gravemente esausti, il 15% di grado elevato e solo il 52% moderatamente. Il 33 per cento non è stato colpito. Quasi tre quarti (74%) degli uomini con pressione alta sperimentano un affaticamento vitale, il 58% in misura estrema e il 16% in misura moderata.

La relazione tra la bio-fatica è stata quindi analizzata all’inizio dello studio e il rischio di infarto nel gruppo nel suo complesso. Rispetto a coloro che non si sentivano esausti, gli uomini che soffrivano di affaticamento moderato o grave avevano 2,7 volte più probabilità di avere un attacco di cuore entro cinque anni. Inoltre, il rischio è 2,25 volte maggiore in 10 anni e 2,1 volte maggiore in 14 anni.

Interessante anche: Due porzioni di pesce a settimana possono proteggere da ulteriori infarti

Mancanza di supporto sociale come fattore di rischio per un infarto

Vengono esaminati anche fattori sociali come l’istruzione, l’occupazione e lo stato civile dello studio. L’analisi ha mostrato che gli uomini non sposati, divorziati e vedovi hanno maggiori probabilità di avere attacchi di cuore e spossatezza rispetto agli uomini sposati. Il leader dello studio Bannoff lo spiega dicendo che gli uomini che vivono da soli hanno meno sostegno sociale di quelli che vivono nelle relazioni. Sappiamo già da studi precedenti che questo è un fattore di rischio indipendente per infarto e ictus.

Ma lo studio rivela anche altri fattori interessanti. Gli uomini con un diploma di scuola primaria hanno 2,2 volte più probabilità di avere un attacco di cuore correlato alla fatica rispetto agli uomini con una laurea. Inoltre, gli uomini di mezza età erano più colpiti degli uomini più giovani: rispetto alle persone di età compresa tra 24 e 34 anni, il rischio di sviluppare affaticamento correlato a un attacco cardiaco era 3,8 volte quello delle persone di età compresa tra 45, 54 e 55 anni. . A 64 anni – Il numero di bambini di 1 anno è aumentato di 5,9 volte.

READ  un modo specifico di accoppiamento che non richiede un maschio

Interessante anche: Visita medica: quanto spesso, quando e perché?

Secondo Banov, questi risultati suggeriscono un modello: la deprivazione sociale era associata alla bio-fatica. Questo, a sua volta, è collegato a un aumento del rischio di malattie cardiache. “Gli sforzi per migliorare il benessere e ridurre lo stress a casa e al lavoro possono aiutare a ridurre il rischio di burnout. Banov consiglia a coloro che investono nella loro vita sociale sono meno inclini allo stress. Insieme a uno stile di vita sano, questo sarebbe un buon preventivo misura per la salute del cuore degli uomini.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

MONDOSCINEWS.IT È PARTECIPANTE AL PROGRAMMA ASSOCIATI DI AMAZON SERVICES LLC, UN PROGRAMMA DI PUBBLICITÀ AFFILIATO PROGETTATO PER FORNIRE AI SITI UN MEZZO PER GUADAGNARE TASSE PUBBLICITARIE IN E IN CONNESSIONE CON AMAZON.IT. AMAZON, IL LOGO AMAZON, AMAZONSUPPLY E IL LOGO AMAZONSUPPLY SONO MARCHI DI AMAZON.IT, INC. O LE SUE AFFILIATE. COME ASSOCIATO DI AMAZON, GUADAGNIAMO COMMISSIONI AFFILIATE SUGLI ACQUISTI IDONEI. GRAZIE, AMAZON PER AIUTARCI A PAGARE LE NOSTRE TARIFFE DEL SITO! TUTTE LE IMMAGINI DEL PRODOTTO SONO DI PROPRIETÀ DI AMAZON.IT E DEI SUOI ​​VENDITORI.
Mondo Sci News