L’Italia sta creando una piattaforma culturale online

L’Italia sta creando una piattaforma culturale online

NOch Non si sa come verrà chiamato il figlio del ministro della Cultura italiano Dario Franceschini, che tra poche settimane vedrà la luce e che un po ‘di speranza è il salvatore delle belle arti. Promise a Franceschini che gli sarebbe stato dato un nome distinto e risonante. Il titolo dell’opera è “Netflix of Culture”.

Karen Krueger

Dalla primavera, quando teatri, sale da concerto, musei e cinema sono stati costretti a chiudere per la prima volta e molte istituzioni sono state aperte al pubblico gratuitamente e con idee creative tramite i loro siti web o social media, si è parlato costantemente di questo: di Internet, una piattaforma attraverso la quale si può chiamare il meglio della cultura “On Demand” italiano per sostenerlo e farlo conoscere al mondo con profitto – insieme a un forte mandato pubblico. Simile a Netflix, dove l’utente può scegliere tra diversi tipi di film, questa piattaforma culturale dovrebbe avere vari “canali” dedicati ai singoli generi come l’opera, la danza, il teatro, il pop oi musei più importanti del paese. Gli abbonamenti possono essere visualizzati per l’intero pacchetto o per singoli canali, compreso l’acquisto di biglietti per eventi, produzioni audiovisive e podcast. Se il progetto avrà successo, secondo l’ambizioso piano di Franceschini, la cooperazione digitale dovrebbe essere ricercata a livello europeo per formare un’alleanza culturale del vecchio mondo che possa confrontarsi con i giganti della rete nella Silicon Valley.

Alcuni hanno deriso il ministro della Cultura. Si limita a tirare fuori dal cappello un altro gigantesco coniglio bianco per distrarre l’attenzione dalla morte strisciante delle istituzioni culturali nella pandemia e nel fallimento del governo. Ma Franceschini fa sul serio: la settimana scorsa ha firmato i soci contrattuali, e questa settimana l’appuntamento con un notaio.

READ  Il tedesco diventa direttore dei musei di Pompei - cultura e spettacolo

Oltre al Ministero dei Beni Culturali e del Turismo, che dovrebbe agire come una sorta di watchdog sui contenuti, partecipa come partner tecnico la banca statale italiana Cassa Depositi e Prestiti, oltre all’emergente società privata “Chili TV”. Il fornitore di servizi di video on demand, fondato a Milano nel 2012, vende 50.000 film in cinque paesi e ha una base clienti di 4,5 milioni di utenti. Il fatto che lo Stato Rai non sia interessato provoca rabbia e critiche. È uno dei mezzi più importanti per diffondere la cultura e possiede già i requisiti tecnici necessari attraverso il portale multimediale di RaiPlay. Tuttavia, come azienda pubblica, le sue mani sono legate alla monetizzazione della sua offerta. Ma questo è esattamente ciò che conta Franceschini: il suo “Netflix of Culture” dovrebbe essere economicamente redditizio. Il suo ministero sosterrà l’inizio con dieci milioni di euro.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

MONDOSCINEWS.IT È PARTECIPANTE AL PROGRAMMA ASSOCIATI DI AMAZON SERVICES LLC, UN PROGRAMMA DI PUBBLICITÀ AFFILIATO PROGETTATO PER FORNIRE AI SITI UN MEZZO PER GUADAGNARE TASSE PUBBLICITARIE IN E IN CONNESSIONE CON AMAZON.IT. AMAZON, IL LOGO AMAZON, AMAZONSUPPLY E IL LOGO AMAZONSUPPLY SONO MARCHI DI AMAZON.IT, INC. O LE SUE AFFILIATE. COME ASSOCIATO DI AMAZON, GUADAGNIAMO COMMISSIONI AFFILIATE SUGLI ACQUISTI IDONEI. GRAZIE, AMAZON PER AIUTARCI A PAGARE LE NOSTRE TARIFFE DEL SITO! TUTTE LE IMMAGINI DEL PRODOTTO SONO DI PROPRIETÀ DI AMAZON.IT E DEI SUOI ​​VENDITORI.
Mondo Sci News