L’Italia piange l’asso degli sport invernali (41)

  1. Pagina iniziale
  2. Gli sport
  3. Sport AZ

Premere

Grande tristezza nel panorama degli sport invernali in Italia. È morto all’età di 41 anni il noto scialpinista Denis Trento.

Aosta – In Italia è avvenuto un incidente che ha coinvolto lo scialpinista Denis Trento. L'atleta estremo ha avuto un incidente mortale mentre scalava il Monte Paramont a pochi chilometri da casa sua. Le circostanze non sono ancora state chiarite con chiarezza, ma ci sono alcuni indizi.

Grande tristezza per lo scialpinista Denis Trento

Sabato l'Associazione Italiana Sport Invernali ha annunciato una triste notizia. È morto a soli 41 anni lo scialpinista Denis Trento. L'esperto appassionato di sport invernali era partito per scalare il Monte Paramont in Valle d'Aosta in Italia, ma non è mai tornato da questo tour. Già all'inizio dell'anno Gli sport invernali italiani hanno pianto la scomparsa di Elena Fanchini.

Dopo che Trento non era rientrato dalla scalata alla vetta, la moglie ha subito allertato le autorità, che hanno iniziato le ricerche del fuoriclasse dell'alpinismo. Come l'agenzia di stampa Ansa Secondo quanto riferito, i ricercatori lo hanno trovato senza vita sotto una valanga. Non è ancora chiaro se sia morto in una caduta o sia stato travolto dalla valanga.

Lo scialpinista Denis Trento ha un incidente mortale. © IMAGO / Immagini Pond5

Trento, atleta invernale di successo, ha un incidente sulla sua “montagna di casa”

Trento si era affermata in questo millennio come scialpinista di successo. La montagna vicino alla sua casa ad Aosta era conosciuta anche come la sua “montagna di casa”, cosa che lui conosceva bene. Tuttavia, non è tornato dal tour e ha pagato con la vita. Al momento dell'incidente si diceva che indossasse i ramponi, suggerendo che si trovasse su un tratto pericoloso.

READ  Preuss come speranza di medaglia per la Coppa del mondo di biathlon - sport

Trento ha festeggiato numerosi successi nella sua carriera. Nel 2008 e nel 2011 è diventato campione del mondo a squadre e ha vinto anche gli Europei nel 2007 e nel 2009. Recentemente è stato atleta del Centro Sportivo Esercito di Courmayeur e guida alpina in Valle d'Aosta. Lascia tre figli e una moglie. (Accumulo)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto