Le tempeste in Europa mangiano i profitti di Allianz – Economia

Per le compagnie assicurative i danni derivanti da catastrofi naturali stanno diventando più costosi di quanto non lo fossero da molto tempo. Lo sentono anche i clienti Allianz. Nonostante i costi elevati, il gruppo è sulla buona strada per raggiungere i suoi obiettivi annuali.

Monaco di Baviera (Dpa) – I forti temporali che hanno colpito Slovenia, Austria e Italia quest’estate sono costati cari all’Allianz. Le conseguenze delle catastrofi naturali sono costate all’assicuratore quasi 1,3 miliardi di euro nel terzo trimestre, quasi quattro volte di più rispetto all’anno precedente, ha annunciato venerdì a Monaco il gruppo DAX. Di conseguenza, l’utile operativo è sceso del 15% a 3,5 miliardi di euro.

Il CEO Oliver BTN ritiene che Allianz sia sulla buona strada per raggiungere quest’anno un utile operativo compreso tra 13,2 e 15,2 miliardi di euro, come previsto. Dopo i primi nove mesi sono diventati circa 11 miliardi di euro.

In Germania i temporali “Dennis”, “Irwin” e “Berend” hanno causato gravi danni con grandine e forti piogge durante l’estate, come ha spiegato al telefono il direttore finanziario Giulio Terzariol con i giornalisti. Un portavoce ha stimato l’onere per questo paese a circa 600 milioni di euro. Inoltre in Italia si sono verificati temporali per circa 400 milioni di euro e devastanti inondazioni in Austria, Slovenia e Croazia.

Tanti temporali in Europa

Le devastanti inondazioni in Austria, Slovenia e Croazia, nonché le tempeste nel nord Italia, sono costate care ad Allianz. Gli utili operativi nel segmento danni sono diminuiti di un trimestre attestandosi a poco più di 1,4 miliardi di euro. I danni provocati dalle catastrofi naturali ammontano a quasi 1,3 miliardi di euro e hanno assorbito il 7,3% delle entrate della divisione, più che in un decennio. Anche dopo la grave inondazione a cui ha assistito la Germania nel luglio 2021, questo tasso ha raggiunto il 4,9%.

READ  Più presidi donne: nelle scuole italiane una quota per gli uomini

Le cose sono andate meglio per Allianz nel settore delle assicurazioni sulla vita e sulla salute. L’utile operativo è sceso di circa il 5% attestandosi a 1,3 miliardi di euro. Tuttavia, ciò è dovuto principalmente alle variazioni dei tassi di cambio e agli effetti transitori derivanti dalla nuova contabilità.

Nel frattempo, i fondi affiliati Pimco e Allianz Global Investors (AGI) hanno raccolto ulteriori fondi dai clienti. Nel terzo trimestre hanno registrato un flusso di cassa netto di 10,5 miliardi di euro. L’intero settore dei fondi ha mantenuto l’utile d’esercizio praticamente stabile a 788 milioni di euro. Sebbene l’utile operativo sia diminuito di circa il 3%, la divisione ha guadagnato commissioni legate alla performance più elevate.

Il risultato finale è che nel terzo trimestre gli azionisti di Allianz hanno ottenuto un buon surplus di 2 miliardi di euro, quasi il 30% in meno rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. All’epoca il gruppo realizzò un profitto speciale perché trasferì i beni dell’AGI negli USA a un partner commerciale. Ma la ragione di ciò è stato uno scandalo di investimenti multimiliardari: così l’AGI è stata costretta ad abbandonare la maggior parte delle sue attività negli Stati Uniti su richiesta delle autorità.

dpa‍-infocom, dpa:231110‍-99‍-894795/5

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto