Israele: i parenti degli ostaggi iniziano a camminare verso Gerusalemme

Al: 14 novembre 2023 alle 22:14

I parenti degli ostaggi rapiti da Hamas sono partiti a piedi da Tel Aviv a Gerusalemme. Nella marcia di cinque giorni chiedono al governo del primo ministro Netanyahu di fare di più per aiutare gli ostaggi.

In Israele, i parenti degli ostaggi rapiti dalla milizia terroristica islamica Hamas hanno intrapreso una marcia di cinque giorni da Tel Aviv a Gerusalemme per chiedere al governo un maggiore impegno per il loro rilascio.

Inizialmente più di cento persone hanno partecipato alla marcia, che si è estesa per 63 chilometri fino all’ufficio del primo ministro Benjamin Netanyahu. Le foto di alcuni ostaggi sono apparse sulle magliette nere e sui poster.

Questa protesta è stata indetta dal Forum delle famiglie degli ostaggi e delle persone scomparse, istituito dopo il grave attacco di Hamas contro Israele il 7 ottobre, con l’obiettivo di sensibilizzare l’opinione pubblica sulle circa 240 persone rapite nella Striscia di Gaza. Su diversi cartelli si legge: “Accordo per gli ostaggi adesso”.

Un parente parla di “terrorismo psicologico”

Domenica Netanyahu ha parlato sul canale americano NBC di un possibile accordo per la liberazione degli ostaggi. Lunedì l’ala militare di Hamas ha accusato Israele di aver rinviato i colloqui mediati dal Qatar su un possibile scambio di ostaggi con persone detenute in Israele.

In un comunicato il Forum ha invitato il governo israeliano a rivelare le richieste avanzate durante i colloqui. Il fratello di uno degli ostaggi, Danny Al-Jarrat, ha accusato il governo di praticare “terrorismo psicologico” contro le famiglie degli ostaggi a causa del suo silenzio. Allo stesso tempo, Al-Jarrat ha rifiutato un accordo che prevedeva il rilascio solo di alcuni ostaggi.

READ  Gli esperti ora temono che Putin possa colpire una nave da guerra della NATO

Incontro alla Croce Rossa a Ginevra

Nel frattempo, la capo del Comitato internazionale della Croce Rossa, Mirjana Spoljaric, ha incontrato a Ginevra le famiglie degli altri ostaggi. Ai colloqui hanno partecipato anche il ministro degli Esteri israeliano Eli Cohen e il ministro della Sanità Menachem Puso.

In una conferenza stampa successiva, Cohen ha detto che nessun rappresentante della Croce Rossa è stato in grado di parlare con nessuno degli ostaggi. “Finora nessuno ha incontrato gli ostaggi”, ha detto Cohen. “Non abbiamo segni di vita.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto