Il coronavirus può sopravvivere sugli schermi degli smartphone fino a 28 giorni

Maschere, distanza sociale e igiene delle mani sono le tre principali raccomandazioni per le misure per prevenire la diffusione SARS-Cov-2, il coronavirus che causa COVID-19. È utile prendersi cura della propria igiene corretta e non toccare il naso e la bocca con le mani, ma prestare attenzione anche alle superfici e agli oggetti con cui entriamo in contatto più spesso e, cosa più importante, senza dubbio. smartphone.

Alcuni studi hanno confermatoAbilità di sopravvivenza SARS-CoV-2 su diverse superficie una nuova analisi di un gruppo di ricercatori australiani pubblicato nel Journal of Virology suggerisce che dovremmo prestare maggiore attenzione alla pulizia del nostro smartphone.

Secondo i ricercatori, il coronavirus può resistere quasi un mese (28 giorni) su banconote in vetro, acciaio inossidabile e carta o polimero So se persiste temperatura ambiente 20 ° C con umidità relativa del 50%. I test sono stati eseguiti in completa oscurità per evitare l’esposizione ai raggi ultravioletti (quindi in condizioni lontane dall’attuale), ma in ogni caso il coronavirus si è rivelato più vitale del virus influenzale, che sopravvive nelle stesse condizioni per 17 giorni.

“La stabilità di SARS-CoV-2 su vetro e vinile (sia materiali convenzionali per schermi che protezioni) suggerisce che i dispositivi touch possono diventare una potenziale fonte di devono essere disinfettati regolarmente, soprattutto in ambienti multiutente“.

“Sebbene altri studi abbiano dimostrato che le banconote di carta hanno più agenti patogeni rispetto alle banconote polimeriche, questi dati mostrano che SARS-CoV-2 persiste sia sulle banconote di carta che su quelle polimeriche per almeno 28 giorni a 20 ° C, anche se con più rapido livello di inattivazione sulle banconote polimeriche ”. Studi preliminari Lui suggerì che SARS-CoV-2 può sopravvivere diversi giorni su vetro e banconote e fino a sei giorni su vetro e acciaio inossidabile.

READ  Apple ha approvato altre 6 app per iPhone infette, che sono

Secondo uno studio australiano, molto dipende dalla temperatura e dalla carica virale, quindi 28 giorni ovviamente devono essere intesi come il limite massimo in “condizioni ideali” per un coronavirus. Una piccola precauzione non farà mai male: così resta in vigore il consiglio di pulire lo smartphone (ma anche per touchpad, tastiere, schermi tablet, ecc.) E lavarsi le mani regolarmente. Negli ultimi mesi abbiamo pubblicato una guida su “come disinfettare uno smartphone“e anche Apple ha pubblicato proposte su come gestire i prodotti.

Paura immotivata?

Tuttavia, il professor Ron Eccles, ex direttore del Center for General Cold presso l’Università di Cardiff, criticato dalla BBC uno studio tra pari che punta a questo affermando che il virus potrebbe sopravvivere 28 giorni, scatena “paura inutile negli esseri umani”.

“I virus si diffondono sulla superficie dal muco quando si tossisce e si starnutisce, così come dalle dita sporche e in questo studio, il muco umano fresco non è stato utilizzato come mezzo per diffondere il virus. Il muco fresco è un ambiente ostile per i virus perché contiene molti leucociti che producono enzimi per uccidere i virus e può anche contenere anticorpi e altre sostanze chimiche per neutralizzare i virus. Secondo me, i virus infettivi persistono per diverse ore nel muco depositato sulle superfici piuttosto che per diversi giorni“.

More from Amando Gentile

Microsoft Flight Simulator: Asobo Studio deve annunciarlo

Microsoft Flight Simulator è uscito da tempo, diventando in realtà uno dei...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *