I conti di Covid e la crisi taglieranno i regali

Tradizionalmente il tesoro di fine anno è sempre stato utilizzato per regali a figli, nipoti e parenti vari, oltre che per acquistare prelibate pietanze che potevano essere portate in tavola la vigilia di Natale. E perché no, in parte anche in viaggio. Là tredicesimo lo stipendio mensile sta per arrivare: prima lo percepiranno i pensionati, poi quando i lavoratori privati ​​e di bilancio lo troveranno nello stipendio insieme allo stipendio di dicembre. Secondo le stime della CGIA da Mestre, 34 milioni di italiani (16 milioni di pensionati e 18 milioni di dipendenti). Ma quest’anno tredicesimo per molti sarà più facile: in generale – sempre secondo le stime della CGIA – costerà 30 miliardi di euro, ovvero tre in meno rispetto allo scorso anno. È stato l’effetto Kovid a tagliare 6,6 milioni di lavoratori del settore privato. “Questa situazione – spiega il coordinatore dell’Ufficio studi Cgia Paolo Zabea – non consente a molte persone di maturare un canone mensile, che determina economicamente il bonus, agevolando così l’importo finale di circa 100 euro per ogni mese di compenso percepito”.

Meno soldi in tasca e paura per il futuro: un mix esplosivo che può portare a un altro effetto negativo, ovvero meno acquisti. Si tende a risparmiare un po ‘di più sia sui regali che sulla cena, anche perché se le regole della pandemia non cambieranno, il Natale sarà anzi ridimensionato. Per i commercianti – una categoria che ha già sofferto così tanto – questa è una cattiva notizia.

“Lo shopping natalizio potrebbe essere ridotto fino al 15%. Se lo scorso anno il costo totale ha raggiunto i 10 miliardi di euro, quest’anno potrebbe ridursi a 8,5-9 miliardi, il che riduce il rischio di punire soprattutto le botteghe artigiane e quelle limitrofe che cercano di stare al passo con la concorrenza. più spietato del trading online “, spiega Zabeo.

READ  L'azienda svizzera ha acquistato metà del Telepass

Secondo Codacons, potrebbe effettivamente essere peggio. Oltre a regali e cibo delizioso: “I tredicesimi italiani quest’anno copriranno principalmente i costi legati a prestiti, mutui, bollette, tasse e spese mediche. Solo l’importo minimo, l’11%, verrà utilizzato per le spese di vacanza ”, afferma l’organizzazione dei consumatori.

A livello territoriale, la regione con il maggior numero di destinatari al tredicesimo mese è la Lombardia: il numero degli interessati è di quasi 6,2 milioni di persone. Seguono 3 milioni e 287mila abitanti nel Lazio, 2 milioni 956mila residenti in Veneto e 2 milioni 821mila in Emilia-Romagna. Le realtà geografiche, dove invece è più contenuto il numero di destinatari del bonus natalizio, sono l’Umbria con 532mila persone, la Basilicata con 290mila, il Molise con 160mila e la Valle d’Aosta con 77mila.

Ultimo aggiornamento: 22:51


© LA RIPRODUZIONE È VIETATA

Rocco Miniati

"Professionista del caffè. Appassionato di social media. Fanatico del web professionista. Appassionato di zombi".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *