Freddo anormale in Europa, gelo negli Stati Uniti. Il riscaldamento globale è scomparso?

Questo autunno, almeno da qualche settimana, presenta caratteristiche a cui non siamo più abituati. La presenza del freddo in ottobre è insolita, o così da molti anni, anche quando si parla di anomalie non così eccezionali rispetto alle medie storiche.

A parte l’Italia, le temperature sono spesso inferiori alla media anche in alcune parti dell’Europa, soprattutto gli stati occidentali, che hanno sofferto maggiormente le discese di aria fredda dalle alte latitudini che si sono susseguite dalla seconda metà di settembre.

Nei prossimi giorni all’estero è previsto un forte calo dell’aria fredda, aria artica, che lascerà il Canada e “congelerà” gli Stati Uniti centro-orientali. Si osservano tipiche manovre invernali, ma almeno da queste parti sono frequenti anche in autunno.

Concentrandosi su questi eventi, trascurando tutti gli altri, si potrebbe pensare che il pianeta si stia raffreddando. Invece è vero il contrario, dato che si tratta di semplici contingenze in un quadro generale in cui il calore prevale in tutto il mondo.

I numeri sono innegabili e dicci questo Settembre 2020 è passato alla storia come il sondaggio più caldo di tutti i tempi. Ciò è avvenuto sia a livello globale che solo in relazione al continente europeo nel suo insieme.

I raffreddori improvvisi non vanno contro il riscaldamento globale

Allora come è possibile tutto questo freddo anormale adesso? Le condizioni meteorologiche estreme, anche in condizioni di freddo, sono una conseguenza diretta del riscaldamento globale. Altalene eccezionali – una caratteristica degli estremi climatici del pianeta, che in generale sta diventando più caldo.

Parlando di cambiamenti climatici improvvisi, Gli Stati Uniti sono insuperabili, e non sono infrequenti sbalzi di temperatura eccezionali, anche di 30 gradi da un giorno all’altro. È successo anche lo scorso settembre, all’improvviso è scoppiato l’inverno quando era ancora estate.

READ  Benedizione della zuppa di pollo: come mangiamo il nostro sistema immunitario "forte"

In conclusione, alcuni episodi di forte freddo non contraddicono il riscaldamento globale. Si sono registrati rialzi delle temperature a livelli spazio-temporali molto più ampi, e purtroppo va detto che questo scenario è fortemente consolidato e mostra un’ulteriore accelerazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto