Donald Trump: la Corte Suprema si occupa della richiesta di immunità di Trump

È iniziata presso la Corte Suprema di Washington l'udienza sulla richiesta di immunità da parte dell'ex presidente Donald Trump. All'inizio dell'udienza, gli avvocati di Trump hanno ribadito la loro opinione secondo cui il presidente sarà limitato nelle sue azioni se teme un processo o addirittura di finire in prigione dopo la fine del suo mandato.

Trump non è stato rappresentato di persona perché attualmente deve essere presente al cosiddetto processo per denaro segreto a New York. Sulla strada per l'aula del tribunale di Manhattan, ha anche ribadito la sua opinione secondo cui l'ex presidente dovrebbe essere protetto dai procedimenti giudiziari per le sue azioni e misfatti durante il suo mandato. “Se non hai l'immunità, non farai nulla. E poi sarai solo un presidente cerimoniale”, ha detto.

La decisione sul perseguimento delle interferenze elettorali

Trump sta cercando l’immunità, tra le altre cose, in un procedimento penale con l’accusa di tentativo di influenzare le elezioni. Il procuratore speciale incaricato del caso, Jack Smith, che ha presentato accuse contro Trump lo scorso agosto, respinge questa affermazione.

Diversi giudici hanno messo in dubbio la richiesta di Trump di immunità assoluta, inclusi almeno quattro dei cinque giudici conservatori che detengono la maggioranza in un tribunale composto da nove membri. Anche il giudice capo, John Roberts, non era convinto che ci fosse un'assoluta immunità dai procedimenti penali.

Il giudice Clarence Thomas, anch'egli considerato un conservatore, ha chiesto a Michael Dreeben, l'avvocato personale di Smith, perché un ex presidente non fosse stato processato prima. “La ragione per cui non ci sono stati precedenti procedimenti penali è perché non ci sono stati crimini”, ha risposto Dreeben. Concedere agli ex capi di Stato “l’immunità assoluta” li proteggerebbe dalla responsabilità penale per “corruzione, tradimento, sedizione e omicidio”.

READ  Duello per la Casa Bianca: la road map di Trump verso il potere | Politica

L’avvocato di Trump, John Sawyer, ha dichiarato alla corte che “senza l’immunità presidenziale, non può esserci la presidenza come la conosciamo”. “Ogni presidente in carica affronta ricatti ed estorsioni virtuali da parte dei suoi rivali politici mentre è in carica”, ha detto Sawyer.

I tre giudici liberali Sonia Sotomayor, Elena Kagan e Ketanji Brown Jackson, e in una certa misura il giudice conservatore nominato da Trump Amy Coney Barrett, hanno rifiutato l’immunità presidenziale generale. Jackson ha chiesto: “Non c'è un grande pericolo che i futuri presidenti siano incoraggiati a commettere crimini senza esitazione?” Un presidente che “vende segreti nucleari a un avversario straniero” dovrebbe godere dell’immunità dai procedimenti giudiziari?

Sawyer ha affermato che il presidente deve essere messo sotto accusa e condannato dal Congresso degli Stati Uniti prima di essere processato.

La Corte Suprema dovrebbe prendere la sua decisione entro la fine di giugno.

Trump affronta accuse penali in quattro casi. L'ex presidente vuole ricandidarsi contro Joe Biden a novembre.

READ  Molti morti a causa delle improvvise inondazioni in Afghanistan

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto