Coronavirus in Europa, 4.000 casi anche in Germania. Parigi, allarme ospedale

Le infezioni del mondo nero segna un nuovo record globale: l’Organizzazione mondiale della sanità ha registrato ieri quasi 339.000 casi di infezione da coronavirus in 24 ore, mai così tanti, e il numero totale era di 36,6 milioni. E anche la mortalità continua a diminuire in un giorno più di 5.500 morti. Oltre a 78mila casi di malattia indiana, 42mila brasiliani e 39mila americani, l’Europa è sempre di nuovo un continente al centro del ciclone, con crescenti livelli di contagio e massicce restrizioni ai rimpatri. Per evitarlo, ha detto ieri Angela Merkel, “tornando alla situazione che abbiamo visto in primavera”.

Affari spagnoli

La Spagna rimane un grande paziente europeo e il centro dell’epidemia continentale a Madrid è imbarazzato dalla battaglia politica e legale tra le autorità. 750 casi ogni 100.000 residenti del distretto nelle ultime due settimane hanno portato il governo centrale a imporre il divieto ai cittadini della capitale ea 9 comuni limitrofi di lasciare i propri comuni: venerdì scorso è iniziato un blocco parziale. Ma il presidente della Comunidad Isabella Diaz Ayusa si è opposto all’ordine di Pedro Sanchez di “sopprimere l’economia”, riferendosi al tribunale, che ieri ha dimostrato la sua ragione: la decisione dell’esecutivo socialista “è un’ingerenza nei diritti fondamentali dei cittadini che non sono tutelati dalla legge”. Senza la richiesta della regione per lo stato di emergenza, l’intervento è vietato.

Ospedali di Parigi

Qualcosa di simile sta accadendo a Parigi. L’Agenzia sanitaria regionale dell’Ile-de-France ha chiesto agli ospedali e alle cliniche di “mobilitare tutte le loro risorse” dato il “significativo afflusso” di pazienti nelle prossime settimane mentre i casi continuano a un livello allarmante (oltre 18.000 nel Paese due giorni di seguito): anche qui 4 posti letto su 10 in terapia intensiva sono occupati da persone affette da coronavirus. Mercoledì sera Emanuel Macron ha riconosciuto che “il virus circola troppo velocemente”, e ieri i ministri della salute e dell’economia hanno annunciato congiuntamente l’introduzione della “massima preparazione” per Lille, Lione, Saint-Etienne e Grenoble, le cui autorità locali si stanno preparando per nuove chiusure. a cominciare dai bar già operanti nella capitale e Marsiglia.

Germania, la curva sta salendo

Ma anche chi ha vissuto bene questo inizio autunno, come l’Italia, cioè la Germania, ieri ha considerato casi superiori a 4.000, per la prima volta da aprile, esattamente come è successo a noi: “Un aumento allarmante” per il ministro della Salute Jens Span, “e se non stiamo tutti attenti rischiamo di perdere presto il controllo”. Come accade in Repubblica Ceca (5mila casi ieri) e in altri Paesi: ieri anche Olanda, Croazia e Polonia hanno stabilito i propri record.

8 ottobre 2020 (modifica l’8 ottobre 2020 | 23:23)

© LA RIPRODUZIONE È VIETATA

More from Liberatore Esposito

Ci sono “domande riservate”. Papa si rinchiude in “tribunale”

Ogni Papa ha le sue persone fidate, quelle che possono sussurrargli all’orecchio....
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *