Accuse di corruzione: il primo ministro estone Ratas si dimette

Il partito del primo ministro estone Ratas è implicato in accuse di corruzione e il procuratore generale sta indagando. Ora il premier ne trae le conseguenze e offre le sue dimissioni.

Il primo ministro dell’Estonia, Yuri Ratas, ha annunciato le sue dimissioni a seguito di accuse di corruzione contro il suo partito. Ratas ha detto che voleva assumersi la responsabilità politica e avere l’opportunità di chiarire le accuse.

Le autorità giudiziarie del paese dell’Unione europea nella regione baltica avevano in precedenza avviato indagini su un prestito di aiuti governativi per un progetto immobiliare contro il partito di centro di sinistra guidato da Ratas.

“In politica, devono essere prese decisioni molto difficili per risolvere situazioni difficili”, ha detto Ratas. Ha preso la decisione di dimettersi dopo aver consultato il suo partito.

Ratas ha sottolineato che i sospetti dell’accusa non significavano che qualcuno fosse effettivamente colpevole alla fine. Il dubbio getta inevitabilmente un’ombra molto pericolosa su tutte le persone coinvolte.

Realizzazione di un finanziamento statale

Lo sfondo dell’indagine è un prestito di circa 40 milioni di euro che l’agenzia di finanziamento statale Kredex ha concesso nell’estate del 2020 per sviluppare un progetto immobiliare su larga scala a Tallinn. La decisione doveva essere preceduta da accordi non autorizzati.

Tra i sospettati c’era il segretario generale del partito di centro, Michael Korb, e il partito stesso un’entità legale sospetta. Anche quattro persone sono state temporaneamente arrestate martedì.


READ  Trump ha scelto Amy Connie Barrett per la Corte Suprema. Iron Catholic, ha superato i test elettorali e di aborto

Liberatore Esposito

"Appassionato di birra. Evangelista di zombi. Appassionato di cultura pop impenitente. Scrittore incurabile. Introverso."

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *