5 milioni di utenti in Italia rischiano di essere multati

Come è stato ampiamente proclamato, ooperazione contro IPTV e pezzotto abbiamo parlato di questa mattina, che ha portato a chiudendo più di 5.000 siti web e canali di Telegram.

La Guardia di Finanza ha spiegato che nella sola Operazione Tempesta Perfetta in Italia sono stati rilevati 5 milioni di utenti, mentre nel mondo il loro numero è dieci volte maggiore.

Operazione Perfect Storm ha comportato l’acquisizione e la disconnessione di 5.500 risorse (inclusi server, piattaforme di gestione, siti vetrina e trasmissioni in diretta) e 350 canali Telegram in cui sono stati trasmessi e pubblicati i collegamenti.

Identificata anche la Fiamma Gialla »sistema formulato a piramide, rappresentato dalle piattaforme IT di ultima generazione, che opera contemporaneamente da più “fonti di contenuto” situate in Europa, e mira a convertire segnali audio-video protetti da copyright relativi al pagamento di base

I servizi “TV” e “Over The Top” (Netflix, Dazn Disney +) nei flussi di dati vengono sistematicamente ridistribuiti tramite server identificati in data center dislocati in tutto il mondo“.

Secondo gli investigatori che hanno condotto l’operazione, grazie a questa tecnica »I cybercriminali, di fronte a transazioni economiche organizzate anche tramite criptovalute, sono stati in grado di fornire migliaia di servizi Iptv illegali, oltre a servizi web live, applicazioni mobile e canali Telegram“.

La tempesta perfetta doveva seguire chiusura lo scorso fine settimana. Secondo i militari, le risorse di riserva sono state attivate dopo un blitz che ha consentito agli investigatori trova altre 350 vetrine e 370 canali Telegram, anch’essa posta sotto sequestro.

In Italia sono stati confiscati 10,6 milioni di euro, ma ci sono stati anche sequestri di uomini e 30 mandati di perquisizione nei centri di ritrasmissione del segnale e 100 perquisizioni domiciliari e locali nei principali ripetitori italiani. Sotto l’influenza di 334 conti PayPal erano anche i portafogli per pagare gli abbonamenti. All’operazione hanno preso parte anche Malta, Spagna, Germania, Bulgaria, Grecia, Lituania, Slovenia, Svezia, Belgio, Romania, Paesi Bassi e Francia.

READ  Coronavirus, nuove regole: obbligo di indossare maschere all'aperto con i non conviventi. Il lavoro intelligente rimane semplificato

Il tenente della Guardia di Finanza Gian Luca Berruti ha spiegato in conferenza stampa che “con Operation Perfect Storm abbiamo raggiunto la “cupola” di un’organizzazione che vendeva contenuti Iptv illegali e una rete di rivenditori, ma anche i clienti rischiano da 6 mesi a 3 anni di carcere e una multa da 2.500 a 25.800 euro“.

Molte persone pensano solo alla convenienza economica e non credono di fare qualcosa di sbagliato: infatti, il semplice possesso di un dispositivo utilizzato per ricevere un segnale che in gergo significa “pezzotto” è un reato penale. Questo è uno dei motivi per cui, quando abbiamo chiuso i siti, abbiamo reindirizzato gli utenti a una pagina che li avvertiva di ciò che stavano passando.“continua.

Sostituto Procuratore di Napoli Valeria Sitosecondo cui “abbiamo ricevuto traccia di tutti gli indirizzi IP di chi ha usufruito del servizio su linea fissa o mobile. Nei prossimi mesi si valuterà come agire nei confronti di queste persone. Stiamo parlando di circa 5 milioni di utenti“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto