Una valanga copre il passo più alto tra Austria e Italia: fortunati gli spazzaneve

  1. Home page
  2. panorama

Insiste

La valanga aveva sepolto la Timmelsjochstrasse appena sgombrata. © Passo del Rombo Hochalpenstrasse AG/Facebook

I lavori di sgombero della Strada alpina del Passo del Rombo al confine tra Tirolo e Alto Adige sono a buon punto. Nella notte la valanga ha nuovamente sepolto la strada esposta.

Sölden/Meeran – si trova a 2474 metri di altitudine nel Temelsjoch Austria Il valico di frontiera più alto sulla strada. Il sentiero porta da Obergurgl in Ötztal nel Tirolo austriaco passando per San Leonardo in Passirio fino a Merano in Alto Adige (Italia).

A causa dell'elevata altitudine, l'unico valico consentito sulla cresta principale delle Alpi tra il Reichenpass e il Brennero, inaugurato solo nel 1968, in inverno è sempre chiuso per diversi mesi. L'anno scorso è stato chiuso il 30 ottobre. Di solito la strada non viene aperta fino alla fine di maggio. Il 22 aprile è iniziata nuovamente la rimozione della neve.

Il lavoro di sgombero neve più complesso in Austria

Due spazzaneve si fanno strada attraverso otto chilometri di cumuli di neve sul versante settentrionale del Tirolo. A volte è necessario superare un'altezza della neve fino a dieci metri. “Il complesso lavoro durerà dalle sei alle otto settimane, a condizione che le condizioni meteorologiche rimangano costanti durante i lavori di sgombero e che le condizioni del terreno siano stabili, soprattutto sul versante meridionale del Tirolo”, si legge sul sito web della Timmelsjoch Hochalpenstrasse AG.

Martedì gli autisti degli spazzaneve sono stati sorpresi da un ostacolo inaspettato durante la loro prossima missione: una lastra di neve che copriva nuovamente la strada già sgombrata. La valanga era corsa giù per il pendio sovrastante. Se fosse stato lanciato nel momento in cui passava lo spazzaneve, la cosa avrebbe potuto finire tragicamente.

READ  Le 30 migliori recensioni di Gilet Uomo Lavoro

Per fortuna la valanga in Austria non ha fatto male a nessuno

Gli operai hanno postato sui social network le foto del pericoloso evento e hanno commentato: “Togliere la neve al Passo del Rombo non è solo importante, ma anche pericoloso”. A causa del pericolo di valanghe e caduta massi, questo è un lavoro estremamente pericoloso. “Grazie mille alle persone coraggiose che ogni giorno affrontano questa sfida!” La posta è finita.

Alti muri di neve dominano la scena durante lo sgombero della neve al Passo del Rombo
Quando si pulisce la neve al Passo del Rombo ci sono sempre momenti emozionanti come quello di metà aprile. © Passo del Rombo Hochalpenstrasse AG/Facebook

I tifosi di strada ringraziano Facebook & Co. Sull'utilizzo degli attrezzi sgombero neve: “Stai facendo un ottimo lavoro, ma fai attenzione!”, puoi leggere lì. Ma anche qualcosa del genere: “La cosa più importante è restare in salute. Meglio aprire un po' tardi che avere sfortuna e soffrire”.

Molti utenti non vedono l'ora che arrivi la riapertura, ma è difficile prevederlo: “Speriamo di riuscirci entro Pentecoste, ma c'è molta neve in montagna, quindi potrebbe volerci un po' più di tempo”, risponde. Team di richieste appropriate del sito di social networking. La strada però verrà riaperta solo quando il servizio avviso valanghe e i geologi daranno il via libera.

Le enormi profondità di neve e ghiaccio che si sciolgono rendono le montagne estremamente pericolose in questo momento

A causa delle forti nevicate delle ultime settimane e del conseguente aumento delle temperature, sulle alte quote delle Alpi il pericolo valanghe è attualmente elevato. Recentemente a Sölden si è verificato un incidente in cui sono morte tre persone Dimostrato. Sul passo dello Stelvio in Alto Adige, dove il 21 maggio si svolgerà il Giro d'Italia, le valanghe vengono effettuate in modo controllato utilizzando ordigni esplosivi.

READ  Le 30 migliori recensioni di Dentifricio Aloe Vera

La settimana scorsa è stata riaperta la strada alpina del Großglockner Problema dovuto allo sconto speciale Per le vacanze, che quest'anno dovrebbero esserci a causa del cantiere sull'autostrada dei Tauri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto