Se la Russia espande la guerra in Ucraina nel territorio della NATO: l’ex comandante rivela il piano

  1. Home page
  2. Politica

Insiste

Se la Russia vincesse la guerra in Ucraina, i Paesi Baltici potrebbero essere il prossimo obiettivo. L’exclave di Kaliningrad potrebbe svolgere un ruolo decisivo in questa vicenda.

NEW YORK/KAliningrad – La guerra in Ucraina infuria da più di due anni e crescono i timori che il conflitto si diffonda in tutta Europa. Si teme che, se la Russia dovesse vincere nel paese vicino, Vladimir Putin potrebbe ordinare un attacco ai Paesi Baltici. In questo scenario, l’enclave russa di Kaliningrad – un tempo capitale della Prussia orientale – potrebbe svolgere un ruolo chiave. L’ex comandante in capo della NATO James Stavridis ritiene che sia proprio qui che la NATO dovrebbe intervenire in caso di escalation.

Se la Russia attacca i Paesi Baltici: la Nato deve “neutralizzare Kaliningrad”

Stavridis scrive in un articolo per il portale statunitense Bloomberg“La NATO utilizzerà il Mar Baltico per esercitare pressione su Kaliningrad, che funge da linea di demarcazione geografica tra gli Stati baltici della NATO – Estonia, Lettonia e Lituania – e il resto dell’alleanza”. L'ex ammiraglio della marina riconosce l'importanza strategica e militare di questa enclave e afferma che Kaliningrad deve essere “neutralizzata in caso di guerra”.

Per evitare che le forze di terra russe “prendano il controllo del vitale corridoio di Suwalki”, la NATO deve intervenire. La Lituania si trova al confine con la Bielorussia, alleata della Russia, e con Kaliningrad della Russia. Tra questi due paesi, uno stretto corridoio terrestre corre dalla Lituania ad ovest fino alla Polonia – il cosiddetto Suwalki Gap. L’exclave di Kaliningrad si trova direttamente sul Mar Baltico e non ha alcun collegamento terrestre diretto con la Russia.

READ  Accordo con la giustizia americana: Assange ha lasciato la Gran Bretagna
Forze armate russe durante le celebrazioni del Giorno della Vittoria russo il 9 maggio 2024. L'enclave fa parte della Russia dalla fine della seconda guerra mondiale, ma non ha alcun collegamento terrestre diretto. © Vitaly Nivar/Imago

Vantaggio del Mar Baltico: il “Lago NATO” potrebbe diventare il punto debole di Putin in caso di guerra

Il Mar Baltico è già più o meno sotto il controllo della NATO, motivo per cui gli esperti lo chiamano “Lago NATO” da quando Svezia e Finlandia hanno aderito. Nel frattempo, Putin continua a controllare le rotte baltiche verso San Pietroburgo, che ironicamente gli zar russi una volta salutarono come “una finestra sul mondo occidentale”, osserva Stavridis. Una finestra che potrebbe servire da rifugio per la Russia in caso di guerra.

In caso di escalation, “la NATO dovrà utilizzare il Mar Baltico per esercitare pressione sulla piccola Kaliningrad”. Perché non ci sarà solo una flotta russa nel Baltico, ma anche “importanti forze aeree e missilistiche”.

La NATO sta preparandosi per un’emergenza: grandi esercitazioni militari sono alle porte della Russia

Tra poche settimane, dal 2 al 16 giugno, la NATO terrà la sua esercitazione annuale PALTOPS. alto Informazioni sulla NATO L’obiettivo è cercare di “difendere l’aggressione regionale e rafforzare le relazioni strategiche” nel Mar Baltico. Parteciperà anche la Marina tedesca. Il volume della formazione condotta dal 1971 è aumentato quasi ogni anno: l'anno scorso hanno partecipato alla formazione circa 50 navi, 45 aerei e circa 6.000 marinai.

Da Mosca giungono spesso voci che descrivono la presenza della NATO nel Mar Baltico come una provocazione. L’altra parte accusa la Russia di utilizzare già la guerra elettronica. Recentemente si sono verificati malfunzionamenti del GPS nell'aviazione civile negli Stati baltici, con conseguenti diverse interruzioni. James Stavridis ritiene che dietro questi attacchi ci sia la Russia. Egli ipotizza che Putin potrebbe aumentare la “guerra informatica ed elettronica” il mese prossimo.

READ  chi è Nana Mahuta- Corriere.it

Stavridis mette in guardia dal sottovalutare le minacce di Putin. “Tre anni fa anche l'idea di lanciare un attacco contro l'Ucraina sembrava improbabile”, dice l'ex comandante della NATO. “Non cercare di prevedere le azioni dell'uomo al Cremlino.”

Schulz conferma il sostegno militare nella regione del Mar Baltico: “Difendere ogni centimetro”

Lunedì scorso, durante la sua visita in Lituania, il cancelliere Olaf Scholz (SPD) ha assicurato agli Stati baltici un sostegno militare affidabile. “La Germania è fermamente al fianco dei Paesi baltici”, ha sottolineato Schulz a Babrad, dove ha visitato i soldati tedeschi. “Ciò significa che ci proteggiamo a vicenda e che tutti i paesi possono contare su di noi per difendere ogni centimetro del loro territorio”.

Dopo l'invasione russa dell'Ucraina, il Cancelliere si è recato più volte negli Stati baltici per esprimere pubblicamente la sua solidarietà alla regione del Mar Baltico. I governi di Lituania, Estonia e Lettonia hanno ripetutamente avvertito che dopo la guerra la Russia potrebbe mettere alla prova la volontà difensiva della NATO e creare entro pochi anni le necessarie condizioni militari. (figlio)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto