Sabbia, il mistero (quasi) irrisolto della fisica dei materiali

Questo può sembrare assurdo, ma gli esperti ne hanno alcuni difficoltà a comprendere appieno come funziona la sabbia. C’è un campo della fisica che studia le proprietà di questi materiali “morbidi”.

Il motivo è in parte il motivo ci sono molte proprietà differenticome dimensioni, forma, rugosità e altro ancora. “Uno dei motivi per cui non abbiamo una teoria comune è che tutte queste proprietà sono importantidice Karen Daniels, una fisica dell’Università del North Carolina che studia la sabbia e altri materiali simili.

Ad esempio dal semplice la sabbia sulla nostra mano può sembrare morbida e sofficeperché ha tutto lo spazio per “muoversi” e fluire liberamente sul nostro palmo. La situazione è la seguente molto diverso quando la sabbia nella mano è tesa e poiché non ha più spazio per stare nella sua mano, diventa fermo.

Questo è lo stesso motivo per cui gli strati superficiali di una spiaggia sabbiosa sembrano più morbidi degli strati sottostanti; quelli che sono profondi sono più vicini gli uni agli altri e quindi diventano più forti. “Le persone che lavorano nel trattamento del particolato negli impianti di ingegneria chimica possono dirti che le macchine si guastano facilmente“continua il dott. Daniels. Questo perché una comprensione più chiara di questi materiali è importante elaborare l’agricoltura per prevedere le frane.

Ovviamente non siamo completamente all’oscuro di questo problema, ma ci sono ancora molti enigmi da risolvere.

READ  Con l'acqua al limone inizi la giornata in buona salute

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto