Premio per fallimento e consolazione RTL! Coppa del mondo deludente per l’Italia – sport invernali – sci alpino

Premio per fallimento e consolazione RTL!  Coppa del mondo deludente per l’Italia – sport invernali – sci alpino

La Coppa del Mondo allo stadio di Cortina è stata finora una delusione per l’Italia.

Invece di un torrente di medaglie, Marta Pacino ha vinto finora solo l’oro nella competizione parallela. L’unica medaglia fino ad oggi è talvolta considerata una “medaglia di seconda classe”.

Poco prima dell’inizio della Coppa del Mondo, Ski Italia aveva grandi aspettative e grazie a Dominic Paris, Sofia Gogia, Federica Brignoni e Passino, Ski Italia ha avuto molte dominanti per questa stagione. Forse l’obiettivo del presidente dell’Associazione Flavio Roda di “più di tre medaglie” è illusorio.

Le speranze sono state deluse nelle gare di velocità

Anche gli sprint della prima settimana di Coppa del Mondo non sono stati di buon auspicio per la Federazione Italiana Sport Invernali FISI, anche se gli uomini italiani conoscevano il Vertigine Speed ​​Course, per molti nuovo, meglio del resto della competizione.

Kitzbühel Paris è rimasto terzo in classifica (4) e Super-G (5) dietro la medaglia. Il 31enne altoatesino ha anche vinto le prove di Coppa del Mondo a Garmisch-Partenkirchen dopo un anno di strappi al legamento crociato, aumentando le aspettative con una medaglia più alta.

Medagliere dopo 10 su 13 applicazioni >>>

Goggia condannato alla guardia

Poco prima iniziava a Garmisch il dramma del Mondiale femminile italiano. Con Goggia, la vincitrice degli ultimi quattro round prima della lotta per il titolo lì, è stata gravemente infortunata e ha superato in numero i leader nella classifica della disciplina.

Come se ironia della sorte, la 28enne bergamasca non si è infortunata al ginocchio in gara, ma dopo un Super G è stata annullata scivolando lungo una scarpata.

READ  Immigrazione: l'Italia revoca le leggi anti-salvataggio in mare

Lo shock per il vincitore seriale preferito dell’inverno ha chiaramente colpito duramente i suoi compagni di squadra. Brignoni, ad esempio, praticamente imbattuto da due stagioni in station wagon in Coppa del Mondo, ha guidato anche la Coppa del Mondo dopo Super J.

Ma nello slalom, il vincitore della Coppa del Mondo è stato eliminato. Elena Cortone è quarta in classifica generale, ma era lontana anni luce dal bronzo dal tempo. Il giorno successivo, un membro della squadra italiana bronzo del 2019 ha subito uno strappo al legamento crociato in una competizione a squadre miste con Lara Della Mia.

Appena sconfitto come miglior contendente di RTL

Il colpo peggiore per i padroni di casa della Coppa del Mondo è arrivato nello slalom gigante femminile. Pacino, il vincitore di quattro delle sei gare di slalom gigante della stagione fino ad ora (nell’altra è stato eliminato dal comando), è stato solo 13 ° nonostante una vittoria inaspettata d’oro nella competizione parallela. Secondo classificato, il secondo classificato ha fallito due volte nella competizione. primo round.

“Ci siamo”, ha detto Pacino, commentando brevemente la sua delusione. Rammaricato anche Brignoni, vincitore della Coppa del Mondo e della Coppa del Mondo RTL. “Le cose non sono andate come sperato. Questo è lo sport”, ha detto, scusandosi.

Il 30enne che mostra le ossa ha detto: “Mi dispiace di non aver ottenuto il risultato che speravo per il mio paese. Cercherò di migliorare, come persona e come atleta”.

Nonostante il dolore nell’anima, Goggia è andata a Cortina per incrociare le dita. Ma alla fine, il campione olimpico aveva più da consolare che congratularsi. “Purtroppo i miei compagni di squadra non hanno dato le loro migliori prestazioni”, ha ammesso Goggia raccomandando a loro ea loro stessi: “Bisogna accettare il presente così com’è e guardare avanti”.

READ  Arbitro sportivo, 3 squalificati

L’oro parallelo è di secondaria importanza

Quindi, se lo slalom gigante maschile Luca de Alebrandini o Irene Cortone e Chiara Costasa così come Alex Vinatzer o anche anziani come Manfred Mulge (38) o Giuliano Razzoli (36) non facessero scalpore, la medaglia rimarrebbe nel competizione parallela che Unpopular è l’unico trofeo di Coppa del Mondo per l’Italia.

Brilla d’oro, ma anche Pacino ha dovuto condividerlo con l’austriaca Katharina Linsberger, che è molto più veloce.

In alcuni luoghi in Italia, l’oro parallelo sembra essere valutato solo come un “premio di consolazione”. Pacino sapeva di essere l’oro di secondo livello, perché la corsa parallela era in pausa e irregolare, scriveva il quotidiano “Dolomiten” e faceva di Pacino il “grande favorito” nello slalom gigante per la sua convincente prestazione in Coppa del Mondo. Si diceva che un’intera nazione li guardasse. La fine è nota.


Testo: © LAOLA1.at


all’inizio » Commenti ..

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

MONDOSCINEWS.IT È PARTECIPANTE AL PROGRAMMA ASSOCIATI DI AMAZON SERVICES LLC, UN PROGRAMMA DI PUBBLICITÀ AFFILIATO PROGETTATO PER FORNIRE AI SITI UN MEZZO PER GUADAGNARE TASSE PUBBLICITARIE IN E IN CONNESSIONE CON AMAZON.IT. AMAZON, IL LOGO AMAZON, AMAZONSUPPLY E IL LOGO AMAZONSUPPLY SONO MARCHI DI AMAZON.IT, INC. O LE SUE AFFILIATE. COME ASSOCIATO DI AMAZON, GUADAGNIAMO COMMISSIONI AFFILIATE SUGLI ACQUISTI IDONEI. GRAZIE, AMAZON PER AIUTARCI A PAGARE LE NOSTRE TARIFFE DEL SITO! TUTTE LE IMMAGINI DEL PRODOTTO SONO DI PROPRIETÀ DI AMAZON.IT E DEI SUOI ​​VENDITORI.
Mondo Sci News