Nagelsmann commenta la prima sconfitta

Notizia

La nazionale tedesca ha perso ieri sera contro la Turchia in un’emozionante amichevole. L’allenatore della nazionale Julian Nagelsmann ha poi elencato alcune carenze senza considerare esclusivamente gli aspetti negativi.

Nagelsmann: “Non arriveremo da nessuna parte dipingendo le cose in modo negativo”

La passione che Julian Nagelsmann ha tanto mancato nei suoi giocatori è stata mostrata nel suo appello ai tifosi e ai giornalisti. “Ora possiamo dipingere un quadro nero e vedere tutto negativo, ma non faremo alcun progresso come nazione calcistica”, ha detto l’allenatore della nazionale dopo l’allarmante 2:3 (1:2) contro la Turchia a Berlino.

Nagelsmann ha cercato di continuare a sottolineare gli aspetti positivi nel cammino verso gli Europei. “Abbiamo avuto otto occasioni al 100%. Per me è più un passo evolutivo per chiudere definitivamente la partita”, ha sottolineato: “Sono lontano dal vedere tutto in modo negativo. Non ha senso vedere le cose al buio, non ci renderà migliori”.

Tuttavia, lui stesso aveva fatto appello alle emozioni e si era concentrato completamente sul lavoro difensivo: non c’era né l’uno né l’altro molto da vedere. “Se prendiamo tre gol sono troppi”, ammette: “Purtroppo nel calcio c’è ancora un avversario che gioca. Il primo gol che abbiamo subito non eravamo corretti al 100% tatticamente. Cerchiamo di essere troppo attivi sulla palla e di non mettere pressione al difensore centrale”.

Ma anche qui c’è ottimismo: “È positivo che ciò accada ora, poi potremo fermarlo. Quando abbiamo subito il secondo gol eravamo troppo avidi di palla. È importante conquistare la palla, ma ancora più importante non subire gol”.

READ  Associazione tedesca di pallavolo - OQ: le donne del DVV perdono contro l'Italia

Maggiori informazioni sulle squadre nazionali

Non ha voluto negare le emozioni di tutta la squadra. “Alcuni giocatori” “non avevano la convinzione o la volontà al 100%”, ha criticato. “Siamo migliorati molto sotto questo aspetto nel secondo tempo. Allora ne prenderemo uno Penachi non lo era. Ma è inutile”.


Ecco perché Nagelsmann ha escluso il gol decisivo dalla sua analisi difensiva. Dopotutto, non voleva permettere troppo pessimismo.

(Foto di RONNY HARTMANN/AFP tramite Getty Images)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto