L’Unione europea ha imposto sanzioni contro 40 politici e funzionari bielorussi

Unione europea annunciato Venerdì ha imposto sanzioni mirate contro 40 politici e funzionari bielorussi ritenuti vicini al dittatore Alexander Lukashenko, che non era nell’elenco delle sanzioni. Le sanzioni sono state approvate per aver manipolato i risultati delle elezioni presidenziali dello scorso agosto e per la successiva repressione da parte del regime contro gli oppositori di Lukashenko, accusati di “aver rubato” il voto per mantenere il potere. Presto anche gli Stati Uniti hanno annunciato sanzioni contro otto funzionari bielorussi. La Bielorussia ha affermato che imporrà sanzioni di ritorsione contro l’Unione europea, ma finora non sono stati rilasciati altri dettagli.

Le sanzioni europee, già entrate in vigore, sono rivolte, in particolare, al ministro degli affari interni della Bielorussia Yuri Karaev e al comandante delle forze di reazione rapida Alexander Valeryevich Bykov, accusati dall’Unione di arresti e torture di pacifici manifestanti antigovernativi. Anche la presidente della commissione elettorale bielorussa Lydia Mikhailovna Yarmoshyna è stata sanzionata, accusata di intimidazione degli elettori e manipolazione dei risultati elettorali. Le sanzioni includono, tra le altre cose, il divieto di viaggiare nell’Unione europea e il congelamento dei conti bancari.

Alexander Lukashenko non è tra le persone sanzionate che sono considerate il principale colpevole delle violenze e della repressione contro i manifestanti. Forse l’Unione Europea ha voluto escludere Lukashenko per preservare la possibilità di un accordo tra il dittatore bielorusso e l’opposizione su possibili nuove elezioni.

L’Unione europea discute da settimane l’approvazione delle sanzioni contro la Bielorussia, ma la decisione finale è stata rinviata a causa dell’opposizione a Cipro. Il governo cipriota ha infatti dichiarato che non sosterrà le sanzioni contro la Bielorussia a meno che l’Unione europea non approvi anche le sanzioni contro la Turchia, in vigore da tempo. politica molto aggressiva nel Mediterraneo orientalee con cui Cipro è in cattivi rapporti da decenni. Il voto a Cipro era una questione di principio, poiché le sanzioni richiedono l’unanimità nel Consiglio dell’Unione europea, un organo di 27 governi membri. Non è chiaro perché Cipro abbia cambiato idea.

READ  Il duello a distanza Trump-Biden-Television - The World Begins

– Leggi anche: Cosa c’entrano Cipro e la Bielorussia?

Oltre alle sanzioni annunciate contro l’Unione europea, la Bielorussia accettato varie misure in risposta alle sanzioni europee. Ha dichiarato di voler revocare l’accreditamento dei giornalisti stranieri nel Paese – che ora dovranno fare domanda da zero – e di aver convocato i suoi ambasciatori in Polonia e Lituania; ha anche chiesto ai due paesi di ridurre le dimensioni delle missioni diplomatiche a Minsk, la capitale della Bielorussia.

More from Liberatore Esposito

Inverno 2020/2021: Nina causerà enormi effetti meteorologici

Ora non ci sono dubbi: la stagione invernale 2020/2021 sarà influenzata da...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *