L’Italia come modello: l’Austria discute la regola della terza generazione sul lavoro: l’economia e il lavoro

La campagna di vaccinazione è stagnante anche in Austria, motivo per cui in Austria si stanno prendendo in considerazione nuovi approcci. L’obiettivo resta quello di evitare di sovraccaricare gli ospedali. L’unico modo per arrivarci senza chiudere le fabbriche è vaccinare la comunità. Per questo motivo, le parti sociali austriache si riuniscono per discutere la regola 3-G sul posto di lavoro.

Sembra inoltre che in Austria sia possibile attivare l’obbligo del passaporto verde. In ogni caso, i sindacati sono positivi sulla proposta. I sindacati chiedono che, qualora venisse introdotta, questa norma si applichi a tutti i luoghi di lavoro e non solo ad alcune aree.

I datori di lavoro in Austria indicano il modello italiano come modello. Il solo annuncio dell’obbligo del corridoio verde ha fatto aumentare il numero delle vaccinazioni.

La Germania discute l’esame obbligatorio delle persone non vaccinate

Anche in Germania è scoppiata una polemica su come trattare i cittadini non vaccinati. In Germania si parla di test obbligatori per i dipendenti non vaccinati e per i lavoratori autonomi. Inoltre, il continuo pagamento degli stipendi ai dipendenti non vaccinati che devono essere in quarantena potrebbe ricadere in Germania. Di conseguenza, non verranno pagati per tutta la durata della quarantena.

Peter

READ  La Germania è ossessionata dal debito nazionale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto