L'impollinazione delle nuvole è una “distrazione dalla storia reale”

  1. Home page
  2. Lo sappiamo

Insiste

Dubai sta assistendo a piogge insolitamente forti. Mentre alcuni indicano come causa il cloud seeding, gli esperti vedono un’altra ragione.

DUBAI – La forte pioggia che ha colpito Dubai il 16 aprile ha scatenato speculazioni: potrebbe essere il risultato della “semina delle nuvole”? Gli esperti non sono d’accordo con questa teoria per vari motivi. “Il cloud seeding riguarda l’aumento delle precipitazioni da nuvole deboli”, spiega Edward Griesberdt dell’Imperial College di Londra. Non tutti i cloud sono adatti a questo. “Non si può creare una nuvola o una pioggia dal nulla”, sottolinea l’esperto. “Serve una nuvola che sia già sul punto di formare pioggia, e poi si possa ‘convertire’ in pioggia.”

È difficile determinare quanto sia efficace il seeding delle nuvole, cioè seminare una nuvola e poi piove, sottolinea Griesberdt: “Una volta seminata una nuvola, non sai se comunque non stava piovendo. Poiché le nuvole seminate erano già vicino alla pioggia è difficile determinare l’effetto che ha avuto la vaccinazione”. Giles Harrison dell'Università di Reading condivide questo punto di vista. Sottolinea che, sebbene gli Emirati Arabi Uniti pratichino il cloud seeding, c'è una grande differenza tra ciò che questo metodo può ottenere e le forti piogge a Dubai.

Pioggia a Dubai: gli esperti ritengono che la ragione sia il cambiamento climatico

“I processi coinvolti sono così diversi in termini di entità che non riesco a vedere come possano essere collegati le precipitazioni e l’inseminazione delle nuvole”, sottolinea Harrison. Inoltre, date le previsioni di forti piogge, non ci sarebbe motivo di effettuare l’inseminazione delle nuvole in queste condizioni. Il mondo guarda in una direzione diversa: “Da tempo si prevede che l’aumento dell’umidità atmosferica porterà a un clima più caldo”. ad eventi precipitativi più estremi.

READ  Molte critiche alla politica uigura a Pechino
Gli esperti sostengono che le forti piogge a Dubai potrebbero essere legate al cambiamento climatico, non alla formazione di nubi. © Christopher Pike/DPA

Anche altri esperti vedono nel cambiamento climatico la vera causa. John Marsham dell'Università di Leeds descrive l'ipotesi che le piogge di Dubai possano essere collegate all'inseminazione delle nuvole come una “distrazione dalla realtà”. “Sappiamo che il cambiamento climatico provocato dall’uomo sta portando ad un aumento delle forti piogge”, spiega. Questo è un fatto fisico ben noto, poiché l’aria calda contiene più acqua”. Marsham ne è convinto: “Qualsiasi potenziale effetto di inseminazione delle nuvole sarebbe minimo nelle condizioni di Dubai. Inoltre, i modelli meteorologici hanno già indicato il rischio di forti piogge”. Pochi giorni fa.

“L’attenzione al cloud seeding è fuorviante”.

Frederic Otto dell’Imperial College di Londra è d’accordo: “Se parliamo di forti piogge, dobbiamo parlare di cambiamento climatico”, dice. “L’attenzione sul cloud seeding è fuorviante”. Sottolinea che il cloud seeding è un metodo di geoingegneria , non può essere raggiunto. “Anche se l’inseminazione delle nuvole ha causato la caduta dell’acqua dalle nuvole che circondano Dubai, è probabile che l’atmosfera consenta a più acqua di formare nuvole in anticipo a causa dei cambiamenti climatici”, aggiunge Otto.

“Se le persone continuano a bruciare petrolio, gas e carbone, il clima continuerà a riscaldarsi, le precipitazioni continueranno ad aumentare e le persone continueranno a perdere la vita a causa delle inondazioni”, avverte lo scienziato. Tuttavia, anche altri esperti mettono in guardia dalle “guerre meteorologiche”. “Relativo al piantare nuvole.

Forti piogge a Dubai: causate dal “medio sistema convettivo”

Susan Gray, meteorologa dell’Università di Reading, spiega il fenomeno della pioggia a Dubai come un “sistema convettivo su mesoscala” che si verifica quando molti singoli temporali si combinano per formare un grande scudo nuvoloso e coprire una vasta area con forti piogge. “Questi non sono eventi rari in Medio Oriente”, sottolinea. Uno studio pubblicato di recente ha dimostrato che tali fenomeni meteorologici si verificano più spesso nei mesi di marzo e aprile. Un evento simile nel marzo 2016 ha scaricato più di 240 mm di pioggia su Dubai in poche ore, in modo simile alle precipitazioni attuali.

READ  Dopo una frana nel sud della Norvegia: almeno cinque feriti

“Questi eventi di forti precipitazioni potrebbero diventare più estremi a causa del cambiamento climatico”, conferma Martin Ambaum dell’Università di Reading. “Gli scienziati climatici avvertono da molti anni che tali eventi estremi diventeranno più probabili in un clima più caldo, e lo stiamo già vedendo intorno a noi”. (fattura non pagata)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto