La NASA annuncia il successo di “Voyager 1”: il “miracolo più grande” è avvenuto

  1. Home page
  2. Lo sappiamo

Insiste

La Voyager 1 è l'unico pezzo umano a viaggiare oltre i confini del sistema solare. (Impressione dell'artista) © Science Photo Libra/imago

Per cinque lunghi mesi non è arrivato alcun segnale chiaro dalla navicella spaziale Voyager 1. Ora il team della NASA sembra aver risolto il mistero.

PASADENA – Nessuna sonda spaziale è più lontana dalla Terra della Voyager 1. La sonda della NASA si trova da diversi anni nello spazio interstellare al di fuori del nostro sistema solare e da lì invia preziosi dati scientifici alla Terra. Almeno lo ha fatto fino al 14 novembre 2023. Da allora, non ci sono stati dati comprensibili dalla Voyager 1: una preoccupazione per la NASA e il suo Jet Propulsion Laboratory, che si prende cura dei gemelli Voyager. Sonde spaziali.

Mentre la Voyager 2 continuava a inviare dati sulla Terra senza problemi, la Voyager 1 causò grattacapi al suo team per mesi. Ma ora è probabile che siano stati fatti saltare in aria. Il 20 aprile 2024 – poco più di cinque mesi dall’ultimo trasferimento di dati significativo – la sonda spaziale ha riportato sulla Terra in modo tale che il team della Voyager potesse farci qualcosa. Inoltre, per la prima volta in cinque mesi, è stato possibile verificare lo stato e lo stato di salute della navicella, Lo dice la NASA.

Viaggiatore 1
5. settembre 1977
24,3 miliardi di chilometri
22 ore e 33 minuti
4 su 10
La sua identica sonda gemella, Voyager 2, è stata lanciata circa due settimane fa
Quello: la NASA

La navicella spaziale Voyager 1 della NASA ha inviato dati incomprensibili alla Terra per mesi

Questa storia di successo arriva dopo diversi mesi durante i quali il team ha cercato disperatamente di convincere la Voyager 1 a collaborare. Il problema: la sonda spaziale è troppo lontana per essere visitata e riparata. Dopotutto, ora ci sono più di 24 miliardi di chilometri tra la Terra e la sonda lanciata nel 1977. Ciò significa qualcos'altro che ha reso i tentativi di riparazione più difficili: il segnale impiega circa 22 ore e 33 minuti per essere completato. Un minuto per viaggiare tra la Terra e la sonda spaziale, e il viaggio di ritorno richiede nuovamente lo stesso tempo.

READ  Elden Ring: la nuova patch fornisce assistenza iniziale per Shadow of the Erdtree

Ciò significa che dopo ogni modifica il team della Voyager ha inviato la navicella spaziale nello spazio, ha dovuto attendere circa due giorni per vedere se le modifiche avevano avuto successo. Il 20 aprile è finalmente arrivato il momento: ora il team sapeva quale problema aveva la Voyager 1 e come risolverlo: uno dei tre computer a bordo della navicella, il Flight Data Subsystem (FDS), era stato colpito. È responsabile dell'imballaggio dei dati scientifici e sullo stato prima di inviarli sulla Terra.

“Voyager 1”: la colpa del problema è un chip difettoso – La NASA trova una soluzione

Ma il chip che memorizza parte della memoria FDS è chiaramente difettoso. Su di esso è memorizzata anche una parte del software FDS, che manca nel “Voyager 1”, e garantisce che tutti i dati scientifici e di sistema diventino inutilizzabili. Sulla Terra puoi sostituire un chip difettoso: a 24 miliardi di chilometri di distanza, devi essere più creativo. Quindi il team della Voyager ha deciso di inserire il codice interessato altrove nella memoria FDS.

Il 18 aprile, alla Voyager 1 è stato ordinato per la prima volta di memorizzare il codice che impacchetta i dati di sistema della navicella altrove. La risposta della navicella spaziale il 20 aprile ha mostrato che lo sforzo ha avuto successo, con la Voyager 1 che ha inviato un aggiornamento leggibile dello stato. Nelle prossime settimane, altre parti del software interessato verranno spostate in questo modo. La Voyager 1 invierà quindi dati scientifici leggibili sulla Terra.

A febbraio, la responsabile del progetto Voyager, Susan Dodd, ha espresso un cauto ottimismo: “Sarebbe il miracolo più grande se riuscissimo a riprenderlo. Non ci siamo ancora arresi, e sembra che il 'grande miracolo' stia già accadendo”. (fattura non pagata)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto