il virus inizia davvero a rallentare?

La modifica
11 novembre 2020 06:13

Cesare Chislagi è un economista-epidemiologo ed ex presidente dell’Associazione Italiana di Epidemiologia. Sulle pagine c’è la sua analisi sull’andamento dell’epidemia in Italia Carriera della Sera. Intervistato da Margarita De Buck, fa luce sulla “razza” del virus in Italia. Ieri in Italia sono morte 580 persone. Sta rallentando? “C’è un timido segnale di non deterioramento, la frequenza di nuovi casi di positività sembra stabilizzarsi”. Le cifre dicono che “la curva dell’infezione è sempre veloce, ma l’incremento non aumenta. Ora c’è un trend lineare piuttosto che esponenziale”.

Perché l’epidemia sta “rallentando”

Una “diminuzione” si poteva già osservare in Lombardia, in particolare dove “l’indice di riproduzione del virus ha raggiunto 2,5. Ora questo valore è diminuito a livello nazionale. Ciò significa che il meccanismo in qualche modo si è fermato”.

Numbers dice di essere convinto che le maschere fossero più importanti della chiusura, che dopo il Dpcm di metà ottobre è diventata obbligatoria quasi ovunque, anche per strada.

“Ci ha fatto capire la gravità del problema. È come un allarme che portiamo sul corpo e ci fa prestare la massima attenzione. È come un promemoria. Una barriera meccanica contro il virus”.

La speranza è di “stabilizzare la curva”. Un mese fa un esperto dice che sarebbe rimasto indietro Blocca tutto. Ora, forse la soluzione sarebbe il percorso intrapreso con le restrizioni di larghezza di banda: “Ora le restrizioni stanno iniziando a funzionare. Potremmo aspettare e vedere se l’effetto continua. Il blocco sarebbe molto difficile perché dovrebbe essere mantenuto fino a Natale”.

READ  L'"imponente colonna di lava" dell'Etna annerisce strade e auto

Non succede nulla il 15 novembre (secondo Boch)

Oggi, in ogni caso, “non succederà nulla. Il monitoraggio è in corso”, ha detto l’assessore regionale Francesco Boca, ospite di “Bianca’s Map” su Rai 3, rispondendo a chi gli chiedeva se aspettarsi un rapido cambio di fascia o di zona per alcuni regioni. “Escludo la possibilità di bloccare, ad esempio, a marzo e aprile. Ma non escludo che possano essere prese ulteriori misure restrittive, in particolare a novembre, che è noto per essere un mese che può essere soggetto a interventi restrittivi. Così come nei giorni scorsi in Calabria, Pimeonte, Lombardia e Valle d’Aosta potrebbero esserci interventi in altre regioni ”. Poi ha chiarito: “” La data è il 15 novembre. Non so da dove provenga. “Non esiste una data del genere”.


Anche Walter Ricciardi, consigliere del ministro della Salute Roberto Speranza, esclude ora un blocco nazionale tra una settimana: “Se gli obiettivi funzionano, non saranno presi provvedimenti più drastici. La strada giusta, seguiamola”, dice. Repubblica. Sono giorni cruciali per vedere se il primo rallentamento della seconda ondata prenderà piede.

Fonte: Corriere della Sera →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto