Il pagamento della pensione già maturata in caso di morte deve essere rimborsato?

Supponiamo che un ragazzo subisca la perdita dei suoi genitori. Quindi a causa della difficoltà ha fretta di ritirare l’ultima pensione del defunto, che è già maturata. È noto infatti che non appena viene a conoscenza delle circostanze del decesso del pensionato, l’ente pensionistico sospende tutti i pagamenti. Oltre a quelloINPSnonostante il fatto che la rata sia già arrivata, viene a conoscenza della raccolta e condanna il ragazzo. Quindi è qui che inizia il processo contro di lui per frode. Tuttavia, in questo caso sembra strano che il truffatore possa essere identificato.

Questo è quando solo uno crede che lo stipendio mensile sia già maturato e che doveva essere raccolto solo finanziariamente. Diverso sarebbe se la morte di uno dei genitori fosse occultata all’INPS per continuare a riscuotere le future pensioni non ancora maturate. Quindi, sorge la domanda: «la rendita già maturata deve essere restituita in caso di decesso del titolare del diritto? La risposta a questa domanda è data Cassazione con sentenza n. 28831 del 2018.

Quello stabilito dalla Corte Suprema

Cerchiamo quindi di chiarire il motivo per cui è necessario impostare una truffa, nonostante il fatto che la rata fosse già nelle mani di un uomo che in seguito è morto. La regola è che quando il defunto va in pensione, gli eredi devono immediatamente notificare il decesso all’INPS o ad altro agente pensionistico. Questo obbligo spetta anche alla persona che ha avuto il trustee per riscuotere l’importo. Così Cassazione ha chiarito che continuare a percepire la pensione del defunto è un reato. Pertanto, eventuali assegni accreditati dopo la morte non possono essere incassati e, se effettuati, devono essere restituiti. Infatti, se la pensione è maturata presso una banca o un ufficio postale, le pensioni INPS versate direttamente vengono restituite dall’istituto di credito stesso.

READ  Perché gli italiani non si sono uniti alla nuova auto di famiglia Rc?

Di regola, la notifica di morte viene effettuata dal comune, che riceve il certificato di morte e fornisce quindi le informazioni necessarie. Tuttavia, come previsto, anche gli eredi sono tenuti a comunicarlo. Quindi, per rispondere ai dubbi sorti in precedenza, è bene spiegare che in caso di percezione ingiustificata è necessario restituire l’intero importo della pensione riscossa. E questo, stranamente, anche se la morte è avvenuta quando la somma era già matura.

Perché è necessario maturare pensioni già maturate?

Premesso che a livello logico non riusciamo a capire perché la pensione già maturata debba essere restituita in caso di morte, approfondiamo questo tema. Ebbene, il motivo è che chi riscuote la pensione non ha più diritto a riscuotere l’importo nonostante la delega. Questo perché dal momento del decesso la pensione può essere corrisposta solo agli eredi, e perché ciò avvenga è necessario identificare le persone giuridiche. Infatti, un pagamento effettuato a favore di un soggetto non più avente diritto può comportare l’obbligo per l’INPS di essere costretto a restituire tale somma agli eredi. Insomma, anche la riscossione di una pensione già maturata è una frode, perché chi incassa l’accantonamento non ne ha diritto. In definitiva questa sarebbe la risposta della Corte Suprema.

Written By
More from Rocco Miniati

pandemia accusa Pechino di “nascondere la verità per due mesi” – Libero Quatidian

“Come stanno andando le cose quando le autorità cinesi, consapevoli della gravità...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *