È morto l'icona del calcio tedesco Karl-Heinz Schinlinger

  1. Home page
  2. gli sport
  3. calcio

Insiste

La Germania piange la perdita di un altro calciatore della nazionale di grande successo. È morto Karl-Heinz Schnellinger.

MILANO – È morto all'età di 85 anni l'ex calciatore della Nazionale Karl-Heinz Schnellinger. Il capocannoniere della cosiddetta partita del secolo nella finale dei Mondiali del 1970 contro l'Italia è morto lunedì sera, secondo la sua famiglia. Agenzia di stampa tedesca (DPA) Certo.

Lo avevano riferito in precedenza i media italiani. Ha festeggiato il suo 85esimo compleanno il 31 marzo. Quasi 54 anni fa, il terzino sinistro segnò il pareggio ai supplementari nella partita contro l'Italia, ancora considerata una delle migliori partite di calcio della storia. Un altro marcatore degno di nota di questo gioco è morto nel gennaio di quest'anno.

Morte di Karl-Heinz Schinlinger: capocannoniere della partita del secolo nel 1970

L'Italia vinse 4-3 ai supplementari all'Estadio Aztec di Città del Messico, poi perse in finale contro il Brasile, mentre la Germania finì al terzo posto. All'epoca Schnellinger guadagnava già i suoi soldi in Italia e continuò a vivere lì anche dopo la fine della sua carriera.

Questo unico gol in 47 partite internazionali giocate ha reso Schnellinger una leggenda del calcio tedesco. Poco noto è che Schnellinger era in campo anche in un altro classico: nella finale della Coppa del Mondo sconfitta per 2-4 contro l'Inghilterra nel 1966 e nella Coppa del Mondo del 1958 in Svezia, all'epoca ancora con Fritz Walter.

Durante la sua carriera Karl-Heinz Schinlinger ha suonato, tra gli altri, con Franz Beckenbauer. © imago/Werek

Fama e onore in Italia: il legionario Karl-Heinz Schinlinger è morto da tempo

Contro l'Albania giocò la sua ultima partita in nazionale nel 1971. Quando, poco dopo, nel 1972 e nel 1974, la Repubblica Federale diventò campione d'Europa e del mondo, il terzino sinistro si chiamava effettivamente Paul Breitner. In cambio, Schinlinger ha vinto molti titoli con le squadre del suo club.

READ  Elizabeth Gregory lascia il Gf Vip, ma accetta l'ultima richiesta di Signorini

Nell'ultimo anno prima dell'introduzione della Bundesliga, divenne campione con l'FC Colonia nel 1962. Poi si trasferì in Italia, prima all'AC Mantova, poi alla Roma e infine al Milan. Con la squadra ha vinto tre volte la Coppa Italia, una volta lo scudetto, due volte la Coppa delle Coppe e una volta la Coppa dei Campioni nazionali.

Morto Carlo El Biondo: Schinlinger si sentiva straniero in Germania

“Carlo Il Biondo”, come era conosciuto in Italia, rimane ancora oggi uno dei professionisti stranieri di maggior successo. Ma vivere lontano significava che a casa veniva notato meno degli altri.

“Sembro sempre uno straniero in Germania – e anche in Italia”, dice Schnellinger. Agenzia di stampa tedesca In occasione del suo compleanno a marzo. “Ma va bene.” Karl-Heinz Schnellinger lascia la moglie, tre figlie e quattro nipoti. (Dpa)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto