Dubbi degli scienziati in merito alle restrizioni imposte dal nuovo dpcm

AGI – “Dichiaro che non vorrei essere al centro delle decisioni politiche, ma visto l’aumento della curva, l’impennata iniziata ai primi di ottobre e che oggi ci porta quasi l’11 per cento della situazione positiva, Mi aspetto misure più drastiche,, soprattutto per quanto riguarda il trasporto“Con ciò Giorgio Palu, microbiologo dell’Università di Padova, commenta in un’intervista all’AGI le nuove misure adottate dal Dpcm, sottolineando la necessità di prestare attenzione ai dati riguardanti le infezioni.

“La curva ha un tipo esponenziale”, spiega Paul, “ma rispetto a luglio e agosto gli unici elementi che potrebbero contribuire a questo trend sono l’ambiente, che però è stato ampiamente predetto vista la natura stessa del virus che prospera. durante la stagione invernale e il rifacimento delle scuole.Tuttavia, poiché le attività scolastiche sembrano seguire e mantenere le necessarie precauzioni, credo che l’aspetto più importante siano tutte le aggiunte all’aspetto scolastico, si tratta di trasporti pubblici, bar e club che promuovono incontri e contribuire alla diffusione del virus “.

Il virologo chiarisce che, oltre alle decisioni politiche, fanno riflettere i dati sui nuovi casi. “Mi aspetto che vengano prese decisioni più radicali riguardo ai trasporti e alle restrizioni sui raduni”, osserva Palu, “dobbiamo abbassare la curva di contagio. L’80% della capacità di trasporto pubblico non mi sembra sufficiente a tal fine. La letteratura scientifica suggerisce che invece di cercare di identificare tutto in modo asintomatico, in questa fase è necessario ridurre gli incontri. Dobbiamo farlo da soli “.

I dubbi di Paul sono condivisi da altri esperti e studiosi che hanno ascoltato il loro governo nei giorni scorsi. “Le misure adottate sono generalmente normali, ma ci sono aree in cui è necessario intervenire immediatamente”, ha detto Agorà, consulente del ministro della Salute Walter Ricciardi. “Alcune serrature devono essere fatte immediatamente senza aspettare il NataleRichardi ha detto che “ci sono zone dove servono misure precise e proporzionate. Ad esempio, non parlerei della Lombardia”, ha spiegato, “ma del Milan”. Farei attività mirate, rafforzando le soluzioni e chiudendo chirurgicamente alcune attività“.

READ  "Cari studenti, vi spiego il virus e l'importanza del Papa"

Ricciardi ha sottolineato di condividere “le misure del governo contro il territorio nazionale, ma questo non basta, ed è necessario combinare azioni specifiche in alcune zone. Dove ci sono città con migliaia di casi, significa che siamo sull’orlo di enormi pressioni. “Se lo prendiamo subito, in modo adeguato e proporzionato”, ha concluso, “avremo un Natale quasi normale. Se ci soffermiamo, nelle prossime settimane vedremo un aumento esponenziale dei casi, soprattutto in alcune zone, e quindi dovremo prendere molto duro soluzioni “.

Anche il consigliere del ministro della Salute punta il dito contro i trasporti pubblici, nel vero momento doloroso della strategia di contenimento: “Abbiamo sempre detto che la capacità di bus e metro non doveva superare il 50%, e invece 80 hanno rinunciato”, ha ricordato Richardi, “ma a bordo. è uno dei momenti in cui si comunica di più e l’uso di una maschera protegge gli altri ma non noi stessi. È un tipico momento di contagio “.

Written By
More from Rocco Miniati

Audi A1: nuovi motori e programmi di infotainment nel 2021

Dal 2021 per la prima volta su Audi A1 sarà disponibile il...
Read More

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *