Conte non protesta. È qui? Bluff o è …

I nerazzurri controllano la partita, ma non la finiscono. Libero ne ha parlato e commentato l’atteggiamento di Conte

La partita di ieri all’Olympique contro la Lazio lascia all’Inter l’amaro in bocca. La squadra nerazzurra controlla la partita, non finisce la partita e subisce il ritorno di Biancacelista. Libero ne ha parlato e commentato l’atteggiamento Conte durante e dopo la partita:

Anche senza affrontare il dono della sorte, o meglio l’immobile, che un quarto d’ora dopo il pareggio toglie Vidal e lascia la Lazio già legata a dieci, la squadra di Conte alza il livello delle polemiche. In ogni caso, lei posa sul pareggio, nonostante la vicinanza, a immagine e somiglianza di Conte, che non rinuncia ai tre difensori, nonostante Inzaghi abbia solo Correa. Invece di entrare a Lauter, Sanchez prende il suo posto e D’Ambrosio prende il suo posto. Consiglio dei ministri con Eriksen a guardare dalla panchina: la partita, che questa volta ha dato un colpo di scena alla Fiorentina, resta nel cassetto del tecnico. Chi tra il sorriso e il secondo dopo la partita spiega come “ogni cambio di sistema possa privare i giocatori di certezze”. Scrivi prudenza, leggi “mano”. Conte non alza la voce nemmeno nei confronti della Guida, che fallisce anche Red Sensei (il suo saluto a Patrick è meno grave del Fisso) e non vede la palla dall’ultimo uomo del Verbo. D: Lo fa o lo fa? Stai bluffando o sei così convinto all’Inter che stai cercando di infondere sicurezza? Dieter, un anno fa un bicchiere di “Olympic” non sarebbe stato mezzo pieno, ma mezzo vuoto “.

READ  rischi stagionali per Nicolas Cavilla

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna in alto