come lavoriamo e cosa significano i numeri della giornata

come lavoriamo e cosa significano i numeri della giornata

Varesenews pubblica quotidianamente dati sulla diffusione del contagio in Lombardia e in provincia di Varese. Questo articolo, uno dei più letti e commentati di questa giornata, suscita sempre discussioni accese, a volte interessanti ea volte davvero poco costruttive. Soprattutto sulla nostra pagina Facebook l’articolo riceve molti commenti e osservazioni, in molti casi toni eccessivamente colorati che sollevano molte domande: dove troviamo i dati di questa newsletter? Perché non gli diciamo quanti tamponi fanno a Varese? Perché non dirci quanto è asintomatico? Perché stiamo “facendo terrorismo”?

In questo articolo, abbiamo raccolto alcune delle domande più comuni a cui cerchiamo di rispondere. Lo aggiorneremo costantemente, aggiungendo gradualmente ulteriori commenti ricevuti.


Da dove vengono i dati nell’articolo della sera sulle infezioni?

Quasi tutti i dati trasmessi quotidianamente provengono da Bollettino Lombardia che, a sua volta, fa parte del flusso di dati che è stato trasmesso ogni giorno da allora cruscotto della protezione civile che li raccoglie e li organizza a livello nazionale. Secondo il Bollettino della Regione Lombardia, gli unici dati riguardanti la situazione nella provincia di Varese sono i dati sul numero di nuovi casi positivi insorti a seguito del trattamento quotidiano dello striscio. Questo è un dato che dice poco sui dettagli della diffusione del contagio in provincia di Varese, lo abbiamo condannato pubblicamente ripetutamente, ma rimane un importante indicatore della diffusione del virus.
Ai dati trasmessi quotidianamente, aggiungiamo una serie di sviluppi grafici che servono come illustrazione del loro andamento nel tempo.

Quanti sono attualmente positivi a Varese? Quanti tamponi vengono prodotti? Perché non me lo dici?

Durante la trasmissione dei dati sulla diffusione dell’infezione, continuiamo a registrare quello che riteniamo sia un grave divario rispetto ai dati locali. Lo abbiamo più volte spiegato e denunciato in consultazione con le ASL di ATS Insubria e le rappresentanze istituzionali della Regione Lombardia. Purtroppo non abbiamo ricevuto risposte esaurienti. Questi dati sarebbero fondamentali per analizzare e comprendere tempestivamente i segni della crescita delle infezioni e prevedere il loro andamento futuro. Questa è una situazione che si sta muovendo molto velocemente ed è quindi consigliabile poter avere un accesso continuo a queste stanze. Oggi è impossibile per noi.

READ  30 anni per Hubble! La NASA segna il rilascio delle foto di 30 nuovi oggetti celesti (foto)

Come sono i dati dei ricoveri in provincia?

Ad oggi non esiste il flusso di dati, aggiornati con puntualità, sul numero degli ospedali della provincia. Il bollettino quotidiano lombardo aggiorna quotidianamente i dati relativi esclusivamente a ricoveri, isolamento e rianimazione. A livello locale, se possiamo fornire informazioni sui ricoveri ai singoli ospedali, è perché contattiamo direttamente gli ospedali, ma restituire questo aggiornamento non è facile su base giornaliera.

Perché non diffondete più i dati sui contagi in tutti i comuni?

I dati sulle infezioni nei singoli comuni non sono mai stati disponibili a livello provinciale. Per molto tempo siamo stati in grado di estrapolare queste informazioni dal rapporto ufficiale disponibile nella regione. Oggi questo rapporto non è più disponibile. Gli unici che hanno dati locali sono i sindaci, ciascuno per il proprio comune. Poiché questi dati sono in continua evoluzione, è difficile creare un’indagine provinciale aggiornata del comune per comune.
Attualmente, i dati sull’infezione possono essere trovati solo nei dieci comuni più colpiti pannello informativo della regione Lombardia.

Perché ci sono così tante infezioni in più rispetto a marzo?

Il numero di infezioni è molto più alto rispetto a marzo perché sono cambiati i metodi e il numero di tamponi eseguiti. A marzo sono stati effettuati strisci quasi esclusivamente su persone che avevano già evidenti sintomi della malattia, anche molto gravi. Ciò ha impedito l’intercettazione di tutti gli infettati dal virus, ma in modo asintomatico.
Nella seconda fase della pandemia, uno striscio è stato esteso anche alle persone asintomatiche: nell’ambito dei test condotti per chi torna dall’estero, a chi potrebbe venire a contatto con un positivo o nell’ambito di screening sierologico. L’effetto è che oggi ci sono sempre più persone positive sul virus ma asintomatiche. Purtroppo questo non significa che non ci siano malati. In effetti, questo numero crescente sta esercitando una pressione pericolosa sul sistema sanitario.

READ  La cometa di Betlemme sarà visibile a Natale tra 800 anni

Positivo non significa malato, perché non lo dici?

Positivo non significa malato, lo abbiamo ripetuto più volte. Positivo è colui che alla fine esegue uno striscio che rileva la presenza del virus SarsCov2. Coloro che risultano positivi al test potrebbero non mostrare sintomi o sviluppare gli effetti di una malattia chiamata Covid19. Inoltre, tra coloro che sviluppano la malattia, c’è chi si sviluppa in una forma che consente il trattamento a casa e chi invece ha complicazioni che richiedono il ricovero. Questo aumento del numero esercita una pressione pericolosa sul sistema sanitario. Inoltre, positivo non significa malato, ma comunque contagioso.

Perché non dici che la maggior parte di loro sono asintomatiche?

Per quanto riguarda la provincia di Varese, non si riportano informazioni sulle condizioni di chi risulta positivo allo striscio. Tuttavia, questi dati, per essere veri, devono essere monitorati nel tempo, in quanto possono dare un test positivo per il virus e successivamente sviluppare sintomi. A livello nazionale, questo registro è conservato dall’Istituto Superiore di Sanità. У il report è costantemente aggiornato spiega come le malattie asintomatiche costituiscano effettivamente dal 55% al ​​60% e che ciò dipende in gran parte dai gruppi di età.
Il punto debole della lettura, che considera troppi dati asintomatici, è che non tiene conto del fatto che non importa quanti di coloro che non sviluppano sintomi, il numero di coloro che li hanno e di coloro che necessitano di ricovero è significativamente aumenta. ogni giorno si preoccupa del rischio di pressioni insostenibili sull’ospedale sanitario nazionale.

Le nuove sbavature di coloro che sono già positivi vengono prese in considerazione in una posizione positiva?

Nessun numero giornaliero di nuovi casi è costituito solo da persone che hanno superato per la prima volta un test positivo

READ  l'orrore per la palla di fuoco devierà a tutti i costi

Dove si verificano queste infezioni? Scuole, RSA, luoghi pubblici?

A livello locale le informazioni non vengono diffuse, il che ci consente di comprenderle, ma quando il numero di infezioni diventa troppo grande, gli stessi soggetti responsabili del ripristino del contatto non sono più in grado di ricostruire con precisione la catena e il sito dell’infezione.

Quando venivano passate quotidianamente le macchie di nuovi positivi?

Il trasferimento di strisci si verifica quando viene elaborato il risultato del test. Poiché viene eseguito un numero elevato di strisci, non tutti possono essere elaborati e trasferiti durante il giorno. Per questo motivo, il numero di strisci trasmessi giornalmente non si riferisce solo a strisci prelevati nelle 24 ore precedenti, ma contiene anche strisci che avrebbero potuto essere prelevati nella settimana precedente.

Perché i numeri positivi crescono ogni giorno in modo diverso?

Data la difficoltà nel processare più strisci e il numero di strisci prelevati, che non sono gli stessi tutti i giorni e che sono storicamente inferiori nei fine settimana, la distribuzione del numero di positivi riportati nei giorni della settimana non è sempre la stessa. Ricostruendo la stagionalità di questa comunicazione, sappiamo che nella prima parte della settimana i dati giornalieri rimangono più bassi e diventano più alti alla fine della settimana e nel fine settimana.

Perché stai solo facendo terrorismo?

Non ci impegniamo nel terrorismo. L’evoluzione della diffusione delle infezioni è molto rapida e deve essere costantemente monitorata per comprendere e prevedere i fenomeni di sofferenza. Capire come sta andando l’infezione serve anche per valutare l’efficacia delle misure restrittive adottate.

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

MONDOSCINEWS.IT È PARTECIPANTE AL PROGRAMMA ASSOCIATI DI AMAZON SERVICES LLC, UN PROGRAMMA DI PUBBLICITÀ AFFILIATO PROGETTATO PER FORNIRE AI SITI UN MEZZO PER GUADAGNARE TASSE PUBBLICITARIE IN E IN CONNESSIONE CON AMAZON.IT. AMAZON, IL LOGO AMAZON, AMAZONSUPPLY E IL LOGO AMAZONSUPPLY SONO MARCHI DI AMAZON.IT, INC. O LE SUE AFFILIATE. COME ASSOCIATO DI AMAZON, GUADAGNIAMO COMMISSIONI AFFILIATE SUGLI ACQUISTI IDONEI. GRAZIE, AMAZON PER AIUTARCI A PAGARE LE NOSTRE TARIFFE DEL SITO! TUTTE LE IMMAGINI DEL PRODOTTO SONO DI PROPRIETÀ DI AMAZON.IT E DEI SUOI ​​VENDITORI.
Mondo Sci News