Chrysants: fai attenzione perché le regioni possono falsificare i numeri »

Chrysants: fai attenzione perché le regioni possono falsificare i numeri »

MILANO. “Lo sai che non ho capito niente?” Andrea Chrysanti, 66 anni, vero professore di microbiologia all’Università di Padova, uscito dall’ospedale al termine di una lunga giornata nel laboratorio di virologia che gestisce, non capisce come si traduca in pratica il nuovo Dpcm: “La mia non è la postura, ma faccio davvero fatica a capire “e ho una serie di domande al riguardo. Spero che il governo spieghi bene questa misura nei prossimi giorni”.

Cosa non capisci?
“Finora, mi sembra, non c’è un chiaro automatismo per il quale la chiusura è imposta a una determinata regione. Il caso di cui parliamo da settimane è sempre lo stesso. Adesso l’ho letto ci sono 21 criteri per determinare l’affiliazione di una regione a una zona verde, arancione o rossa. Mi sembra molto, ma immagino che i principali riguardino il riempimento dei posti in ospedale. Non vorrei che una misura del genere costringesse le regioni a non essere completamente trasparentiriguardo a questi dati ».

Sembra un rischio reale in un momento del genere?
“Perché non pensi che con questa politicizzazione e speculazione, non ci sia competizione tra i presidenti su chi sia il migliore. Mi sembra che questo sia l’attrito con il governo”.

Ma anche imbrogliare i numeri?

“È facile manipolare i dati e, a livello regionale, entro poche settimane si potrebbe decidere di ricoverare la pelle dei pazienti il ​​meno possibile”.

Le regioni incolpano il governo o è giusto aspettarsi soluzioni nazionali in questa situazione?
“A parte il nostro sistema sanitario regionale, la stessa Costituzione dice che in casi così straordinari il governo deve dare una risposta, quindi penso sia ragionevole che le regioni aspettino una soluzione centrale”.

Э Pensi che la prudenza del governo sia giusta o stai solo perdendo tempo?
“Dipende da quale sia il vero obiettivo dell’esecutivo. Potrebbe essere raggiungere la serratura per alcuni giorni e poi revocare le misure a Natale o ritardare il tempo, rallentare l’infezione, riorganizzare il sistema di tracciamento, bloccare a gennaio e poi ricominciare con un sistema debuggato. ”

In entrambi i casi ci sarebbe stato un castello?
“Ho paura, ma senza una strategia di monitoraggio c’è il rischio di una terza ondata. Le infezioni devono non solo essere ridotte ma anche mantenute basse. Se il governo ha un piano in tal senso, beh, altrimenti è solo una perdita di tempo “.

In questo senso può essere utile il progetto delle tre squadre regionali?
“Sì, se presentato in modo chiaro, potrebbe aiutare sia a rallentare l’infezione che a consolidare il risultato dopo il blocco.”

Cosa intendi per strategia di monitoraggio?
“L’intera organizzazione aveva bisogno di prevenire e controllare la terza ondata dopo che la seconda era stata domata per chiudersi. Più sbavature, tracciamento dei contatti e test rapidi, come i controlli comunitari, dalle scuole alle aziende. Inoltre, una serie di misure mirate contro i raduni che segnalano infezioni “.

E come ti senti riguardo alle misure attuali?
“Certo, era giusto chiudere bar e ristoranti e trovo saggio lasciarli aperti a pranzo, un po ‘per chi lavora e un po’ perché non generano molto traffico. Il coprifuoco alle 21 sembra inutile perché tutto è chiuso e sembra solo demagogia. Invece, ha senso limitare gli orari di apertura di negozi e centri commerciali, così come i trasporti pubblici. Anche se mi chiedo: chi controlla che guidino al 50 per cento? Il problema è sempre lo stesso: è necessario fare delle regole semplici e rigorose che la polizia possa seguire “.

Cosa dedichi in questo periodo?
“Sto proseguendo la mia ricerca sul modello Vo’ Euganeo, in particolare per capire se esistono varianti genetiche che influenzano la malattia in via di sviluppo. Nel laboratorio che gestisco il lavoro è minore perché il Veneto sostituisce gli strisci molecolari con quelli antigenici. Secondo me, è la decisione sbagliata, perché quest’ultima dovrebbe essere utilizzata principalmente per la prevenzione e il monitoraggio, non per la diagnosi “.

READ  “La situazione è molto grave. Diverse regioni nello scenario quattro »

We will be happy to hear your thoughts

Leave a reply

MONDOSCINEWS.IT È PARTECIPANTE AL PROGRAMMA ASSOCIATI DI AMAZON SERVICES LLC, UN PROGRAMMA DI PUBBLICITÀ AFFILIATO PROGETTATO PER FORNIRE AI SITI UN MEZZO PER GUADAGNARE TASSE PUBBLICITARIE IN E IN CONNESSIONE CON AMAZON.IT. AMAZON, IL LOGO AMAZON, AMAZONSUPPLY E IL LOGO AMAZONSUPPLY SONO MARCHI DI AMAZON.IT, INC. O LE SUE AFFILIATE. COME ASSOCIATO DI AMAZON, GUADAGNIAMO COMMISSIONI AFFILIATE SUGLI ACQUISTI IDONEI. GRAZIE, AMAZON PER AIUTARCI A PAGARE LE NOSTRE TARIFFE DEL SITO! TUTTE LE IMMAGINI DEL PRODOTTO SONO DI PROPRIETÀ DI AMAZON.IT E DEI SUOI ​​VENDITORI.
Mondo Sci News